Supercoppa 2013 Lazio- Juve: l’autocritica di Petkovic, la gioia di Conte

Il primo trofeo annuale, cioè la Supercoppa, è stato vinto dalla Juventus, all’Olimpico di Roma, contro una Lazio che, visto il pesante risultato finale, sembra ancora da rivedere, ma andiamo a vedere le dichiarazioni dei due allenatori nel dopo gara.

Cominciamo dal vincitore, cioè Antonio Conte, che visibilmente raggiante si è presentato ai microfoni degli addetti ai lavori per rilasciare le seguenti dichiarazioni: “Ero sereno e sapevo che avremmo affrontato nel modo giusto la gara. Queste sono partite secche dove conta solo vincere. Per il secondo anno di fila vinciamo scudetto e Supercoppa, i ragazzi continuano a fare cose straordinarie. Contro la Lazio abbiamo giocato di testa  e sono molto contento. La vittoria è assolutamente meritata. Ambire a qualcosa di più? Firmerei per rivincere scudetto e Supercoppa. Continuiamo a scrivere la storia. Non ho mai pensato di aver smarrito la mia squadra, anzi abbiamo fatto una preparazione ottima, senza infortuni se si escludo quello di di Marchisio”.

E’ ovviamente opposto lo stato d’animo dello sconfitto, Petkovic, che non può che fare una rapida analisi della partita dei suoi per correggere in corsa tutto quello che non ha funzionato nella partita di ieri, terminata in tracollo: “Abbiamo mollato dopo il secondo gol e siamo stati un po’ naif, mentre la Juve è stata furba. Ma fino al 2-0 non avevano creato un gran che. Loro hanno meritato noi ora dobbiamo tornare con i piedi per terra dopo la finale vinta con la Roma. Dobbiamo fare un esame di coscienza, riconoscere i nostri errori e ricominciare da zero”.

 

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica