Risultati Serie A 2011 2012: Inter – Lazio 2-1, Rocchi, Milito e Pazzini

L’Inter è ufficialmente tornata. La vittoria contro la Lazio di questa sera è la conferma definitiva che la squadra d Ranieri è tornata nei quartieri alti della Serie A e ha tutta l’intenzione di restarci. Questo perché il 2-1 di San Siro vale molto di più dei semplici tre punti. Seguendo la vittoria nel derby, significa che i nerazzurri sono riusciti a ritornare ad avere un gioco al livello degli avversari. In effetti la squadra di Ranieri sa il fatto suo. Magari non incanta, come nel primo tempo, ma riesce ad essere tremendamente efficace e solida.

Il primo tempo, però, è quasi tutto a favore della Lazio. Il gioco dei romani è più avvolgente e le loro azioni sono sempre le più pericolose. L’unico acuto dell’Inter porta la firma di Alvarez, che calcia al volo una palla che finisce alta. Poi è quasi sempre Lazio, soprattutto con Rocchi, che lanciato quasi da solo contro Julio Cesar prende un clamoroso palo che rimane letteralmente sullo stomaco all’attaccante veneto. Alla fine, però, il numero nove biancoceleste riesce a battere Julio Cesar dopo essersi infilato magistralmente nella difesa nerazzurra e incrociando alla perfezione la palla. Match finito? Nemmeno per sogno: non è solo l’Inter a essere tornata, ma è soprattutto il Principe Diego Milito, che riesce a trovare il pareggio piegando letteralmente le mani a Marchetti prima del tradizionale the caldo.

Nella ripresa Ranieri decide di inserire Sneijder e la musica nerazzurra cambia. Il gioco diventa più efficace e le occasioni da gol iniziano a interessare sempre di più gli uomini in maglia interista. È quasi un peccato che il gol della vittoria arrivi grazie ad una clamorosa dormita della difesa laziale: Lucio lancia verso Milito e Pazzini, quest’ultimo in posizione al limite del fuorigioco. La palla rimbalza e con un pallonetto perfetto l’ex Samp batte Marchetti. Il finale vede l’Inter gestire l’ultima sfuriata della Lazio, che però deve capitolare. Klose manca una clamorosa occasione servitagli da Rocchi da solo davanti a Julio Cesar, che para con sicurezza. Ora il quarto posto è conquistato e lo Scudetto non è più un’utopia.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica