Quarti Coppa Italia 9 gennaio 2013 Juventus – Milan 2-1: Vucinic decisivo

La Juventus conquista le semifinali di Coppa Italia, battendo allo Juventus Stadium un Milan volenteroso, che però ha mostrato parecchi limiti soprattutto nel corso del primo tempo. Nonostante il vantaggio iniziale dei rossoneri, arrivato dopo soli sei minuti di gioco, la Vecchia Signora ha tenuto in mano il pallino del gioco. Allegri, invece, ha impostato la partita maggiormente sul controllo e sulla difesa attenta, com’era stato nella vittoriosa andata di campionato. Questa volta, però, la mossa non è bastata.

Come detto il Milan è andato in vantaggio quasi immediatamente. Dopo soli sei minuti Boateng si invola bene sulla fascia sinistra, mettendo nel mezzo per Pazzini. L’ex interista allunga per El Shaarawy, che dopo essersi allungato la palla, la piazza alla destra di Storari, in porta al posto di Buffon. Il Milan parte fortissimo, ma la rete ha l’effetto di un caffè sulla Juventus, che al 12° trova immediatamente il pareggio. Autore è Sebastian Giovinco, che in assenza di Pirlo pennella una punizione pregevole, imparabile per Amelia. A partire dall’1-1 è la Juve a controllare, mentre il Milan rischia addirittura di rimanere in 10, quando Mexes ostacola un rinvio di Storari, ma l’arbitro lo grazia. Giovinco cerca di ripetersi ancora su punizione, ma questa volta Amelia si fa trovare pronto.

Nella ripresa non cambia moltissimo, nonostante qualche occasione. Il gioco si accende però solamente a fiammate, con la Juventus padrona del campo. Con l’andare dei minuti, però, la stanchezza si fa sentire nelle gambe bianconere e il Milan cerca di approfittarne. Allegri butta nella mischia Bojan, mattatore contro il Siena, e il giovane Niang. Il gioco rossonero si ravviva, ma fino alla fine il massimo che il Milan riesce ad ottenere è qualche tiro dalla distanza. El Shaarawy è in ottima forma, ma è costretto a chiudere spesso anche in difesa. La Juve ha occasioni con Lichtsteiner, mentre il Milan sfiora con Niang. Si finisce sul pareggio e si va ai supplementari.

Al 96° la Juventus passa, approfittando della non eccelsa difesa milanista (Acerbi ha confermato di trovarsi ancora poco in maglia rossonera). Giaccherini guida la ripartenza juventina, passando poi a De Ceglie, evitando l’intervento di Mexes. Il difensore bianconero tocca per Vucinic, che scavalca Amelia in uscita. Il 2-1 porta il Milan a sbilanciarsi, ma le occasioni non arrivano. La squadra, però, ci crede e continua a provarci, anche se l’occasione più clamorosa, per colpa di una dormita sul fuorigioco di De Sciglio, capita sui piedi di Giaccherini. Solo il piede di Amelia salva il Milan dalla capitolazione. I rossoneri lottano e aumentano di intensità. Niang mostra un’ottima personalità e Traoré, entrato al posto di un encomiabile Ambrosini colto dai crampi, ha l’occasione di segnare proprio all’ultimissimo minuto, ma il suo tiro si infrange sul petto di Storari. Anche El Shaarawy si trova un’ottima occasione sul finale, ma la difesa juventina è attenta e si qualifica meritatamente alla semifinale. Milan criticabile nel primo tempo, gol a parte, ma più solido nei supplementari. La difesa, però, ha molti problemi.

Quarti Coppa Italia 9 gennaio 2013 Juventus – Milan 2-1: Vucinic decisivo

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica