Finale Euro 2012 Italia-Spagna domenica 1 luglio: presentazione della sfida

Il principio e la fine, l’apertura e la chiusura (brillante) del nostro super Europeo 2012 : Italia-Spagna è la sfida che si ripete, addirittura per la seconda volta in questo europeo. Abbiamo cominciato esattamente tre settimane fa, a Danzica, ed è finita 1-1. Ma il clima intorno agli azzurri allora era ben diverso. Anzi, gli azzurri erano diversi, surclassati la settimana precedente dalla Russia in amichevole e distrutti dalla vicenda calcioscommesse. Era un’Italia che si presentava come assoluta incognita di questa competizione e a cui il destino e aveva posto di fronte all’esordio quella Spagna campione di …tutto.
Eppure quella partita l’abbiamo giocata benissimo, a testa alta, soffrendo ma anche facendo soffrire quelle Furie Rosse che comunque non hanno mai smesso di temerci e che in questa inattesa (per noi) finale riproveranno a batterci. Ma Xavi e compagni domenica avranno di fronte un’Italia a mio avviso ancora più forte. E non si tratta di forza dei singoli, perchè quelli ce li abbiamo avuti fin dall’inizio. Si tratta di quella forza che deriva dalla consapevolezza che adesso per noi tutto è possibile. E senza limiti. Perchè una squadra che ha offerto prestazioni sempre più entusiasmanti, nei numeri e nella sostanza, e che ha letteralmente spazzato via due super potenze come Germania ed Inghilterra, ha il sacro santo diritto di crederci. Ed è dovere di una squadra che abbia un minimo di consapevolezza della realtà temerci.
Quella squadra in questa finale di Euro 2012 è la Spagna. La stampa iberica già oggi parla di un’Italia pericolosissima. Domenica sarà il momento di confermare i loro sospetti ma, dopo lo spettacolo di ieri sera, non abbiamo dubbi che la nostra nazionale non deluderà le attese. E questa volta a tingersi d’azzurro potrebbe essere Kiev. Dunque che la Spagna inizi ad avere paura, perchè l’Italia fa tremare. E noi adesso ne siamo più che consapevoli.
admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica