Euro 2012 Italia: commenti, il giorno dopo sconfitta ma sempre orgogliosa

Duro il risveglio dopo una sconfitta in finale. Apri gli occhi e ti senti un po’ come il giorno prima, ancora ansioso, e poi tristemente certo che la sera non ci sarà la rivincita. L’Italia non è riuscita a conquistare il suo secondo Europeo, un’impresa che non ci riesce più dal lontanissimo 1968 e anche allora lo giocammo in casa e ci guadagnammo la finale con un fortunato sorteggio contro la Jugoslavia. Zoff rimarrà ancora per un po’ l’unico calciatore italiano ad aver vinto sia l’Europeo che il Mondiale, almeno fino alla prossima occasione di Francia 2016.

Chissà come ci arriveremo? Prandelli ha ragione: si è iniziato un progetto che va portato avanti. Non avremo i talenti della Spagna e questo, del resto, non è colpa di nessuno (i campioni non si costruiscono in laboratorio). Bisogna però ricordarsi che abbiamo dimostrato di essere i migliori dei normali, almeno in ambito europeo. La Spagna è composta di alieni, con i quali il Brasile super favorito dei prossimi Mondiali dovrà fare i conti. L’Italia, farà il suo, come ha sempre fatto. La filosofia da club inaugurata da Prandelli può funzionare, se Lega e squadre collaborano e, soprattutto, se anche il nostro CT riuscirà a seguirla con un minimo di coerenza in più (non troppa, solo un po’).

Nei prossimi giorni il “tiro al Prandelli” diventerà il nuovo sport nazionale, dettato da tifosi incapaci di comprendere la semplice realtà dei fatti: l’Italia ha fatto più di quello che le si poteva chiedere e gli spagnoli sono dei marziani. Ma ben sappiamo come la gratitudine non sia di questo mondo. Lo sa bene anche Prandelli, che non si far sconvolgere dalle ingiuste critiche e tirerà avanti per una strada che ci ha dato la migliore qualificazione della nostra storia e una finale inaspettata contro una squadra con la quale chiunque avrebbe perso. La sabbia che i nostri azzurri stanno tenendo in mano si sta indurendo. Ci vorrà ancora molto tempo perché si trasformi in sasso e ancora di più perché divenga gemma preziosa. Quando ciò accadrà, però, allora vedremo una nazionale nuovamente vincete.

In fondo, però, già lo è. Sopra di noi solo la Spagna. Gli altri ci guardano dal basso. Questo è un dato di fatto.

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica