Delio Rossi in Samp – Roma 3-1, squalificato l’allenatore blucerchiato

Galeotto fu il dito e chi lo mostrò. Com’era prevedibile, Delio Rossi, allenatore della Sampdoria, è stato squalificato per due partite in seguito al dito medio mostrato al difensore argentino Burdisso durante la sfida tra i blucerchiati e la Roma. Un gesto senza dubbio dettato dal nervosismo della partita, ma difficilmente scusabile da una figura come l’allenatore, che in teoria dovrebbe mantenere le sue proteste entro un certo limite. Non sempre accade e quando si sgarra si viene squalificati. Questo episodio non farà eccezione.

A Delio Rossi, però, occorre levare tanto di cappello per il gesto successivo a questo scatto di nervi. Dopo le scuse, forse un po’ tardive ma comunque apprezzate, è arrivata la decisione di devolvere in beneficenza la cifra che la società avrebbe voluto chiedergli come multa disciplinare. Una buona idea, che senza dubbio aiuterà a dimenticare questo spiacevole episodio.

Rossi non è stato l’unico allenatore ad incorrere nelle sanzioni del giudice sportivo in questa domenica di campionato. Giampiero Ventura, tecnico del Torino, è stato infatti ammonito (niente squalifica per lui al momento) con multa di 2.000 € per aver contestato l’operato della terna arbitrale, al solito brutta abitudine molto ben radicata nei nostri allenatori.

Il coach della Sampdoria non è nuovo a questi scatti d’ira. Lo scorso maggio, infatti, si è reso colpevole, quando ancora era alla Fiorentina, di una piccola “aggressione” nei confronti del laziale Ljajic. Inutile dire che, a prescindere dalle motivazioni umane e comportamentali, un allenatore di Serie A non dovrebbe mai lasciarsi andare a simili eccessi.

Delio Rossi in Samp - Roma 3-1, squalificato l'allenatore blucerchiato

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica