Cesena – Lazio 1-0, l’aquila colpita e affondata

E sorpasso fu. Il Milan con la vittoria di ieri per 3-1 sul Palermo, passa in testa alla classifica, mettendo la freccia su una Lazio apparsa stanca, oltre che ampiamente decurtata dei suoi pezzi migliori.

Quella di Cesena-Lazio è stata una partita strana, arrembanti i ragazzi di Ficcadenti, arrendevoli o meglio dire confusi, quelli di Edy Reja. E se le sconfitte sono figlie di contraccolpi psicologici e sfortuna, oltre che di “segaggine” (concedeteci il termine), possiamo senza dubbio dire che il derby Lazio-Roma ha ampiamente lasciato il segno nella testa dei gicoatori. Questo perchè fino ad oggi la Lazio non è stata n’è sfortunata, nè “sega”. Possiamo convenire su questo.

Questa sconfitta però, psicologia spicciola a parte, è forse figlia anche di altro: la Lazio si è presentata a Cesena infatti priva di Hernanes, Lichsteiner, Mauri e si è optato per Diakite, Matuzalem e Bresciano. Nei cambi non si è di certo andati meglio, esce un criticato Zarate per un ancora incerto Gonzalez.

Insomma, la domanda è questa, c’è davvero bisogno di cambiare cosi tanto in una partita fuoricasa contro una squadra agguerrita come quella di Ficcadenti? Stavolta le scelte di Edy Reja non ci sono piaciute particolarmente… dobbiamo essere onesti. Va da sè che Parolo riesca a fare poi il gol della domenica, ops del mercoledi, e tutti a casa.

Ma…. siamo convinti che questa fosse una sconfitta davvero non evitabile? A voi l’ardua sentenza….

httpv://www.youtube.com/watch?v=tNESIJ7NqIA&feature=player_embedded

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica