Battuta d’arresto per la Roma di Garcia

Sette giorni or sono la Roma di Gracia ha infiammato il cuore dei tifosi giallorossi, riuscendo a mettere in fila ben dieci vittorie consecutive, impresa storica che, immediatamente, ha fatto gridare al miracolo calcistico.

Inutile raccontare il clima post partita che tutti coloro che vivono nella capitale hanno potuto vedere con i propri occhi e, ovviamente, in molti pronosticavano che il ritmo della Roma non potesse durare ancora a lungo.

I bookmakers migliori davano favorita la vittoria della Roma, ritenendo poco probabile il pareggio, pagato 6 volte la quota scommessa.

Il pareggio, inevitabilmente, si è verificato, il Torino, anzi Cerci, cresciuto nelle giovanili della Roma, riesce a segnare mettendo in difficoltà i giallorossi che non sono riusciti a ribaltare il risultato e, tra polemiche e commenti post partita, si rassegnano a portare a casa un pareggio che arresta la scia positiva di vittorie.

Sbollita la rabbia Garcia ha dichiarato che un pareggio in trasferta non è un risultato negativo e che il rigore non concesso a Pjanic è dovuto ad una svista arbitrale che può capitare: sbagliare è umano. Il tecnico della Roma ritiene che il Torino non sia una squadra da poco e che anche altre squadre hanno avuto difficoltà, compresa la Juventus.

La mancanza di Totti, a centrocampo, avrebbe reso difficile organizzare il gioco della squadra ma, poco male, archiviato il pareggio, la Roma guarda avanti e si prepara alle prossime partite.

Il Napoli e la Juventus, uscite da un fine settimana positivo, recuperano sulla Roma e si portano a 3 punti di distanza dalla vetta… il campionato è ancora lungo.

Cenci_Torino-Roma

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica