Villareal – Napoli 0-2, tifosi in festa per tutta la notte!



Il Napoli contro ogni pronostico ce l’ha fatta. Gli azzurri di Walter Mazzarri hanno preso a sportellate il ricchissimo Manchester City di Roberto Mancini e l’hanno accompagnato fuori dalla Champions League facendolo accomodare in Europa League.

In città questa partita era l’incontro dell’anno, forse di una vita. Cerco, non c’è da scomodare la famosa scritta “che vi si siete persi” comparsa sul muro del cimitero cittadino all’epoca del primo scudetto, annata 86-87 ma l’ambiente napoletano era ben consapevoli di essere di fronte alla sua storia.

E così in ogni angolo di Napoli, d’Italia o del mondo, praticamente ovunque è comparsa una scarpetta azzurra, magari riposta nel cassetta da molto tempo, pronta a essere sventolata, baciata e amata come non mai.

Eppure il doppio vantaggio inglese faceva rimanere tutti gli amanti azzurri con il cuore in gola, già pronti a imprecare per l’occassionissima del primo tempo sprecata in malo modo da Zuniga. Il fato e il destino poteva essere avverso ancora una volta ma dal Madrigal al Vomero, da Torino alla Sanità, da Londra a Mergellina, un filo azzurro era teso pronto per detonare la festa scoppiata al 65esimo minuto dell’incontro quando Inler, memore di quanto già fatto al San Paolo con la maglia dell’Udinese, si è ripetuto con un gran tiro da fuori.

Ma stavolta il centrocampista elvetico, contrariamente a quando accaduto la scorsa stagione in campionato, è esploso di gioia, degno alfiere della causa azzurra e la festa è cominciata, rallegrata dalla seconda marcatura, opera di Marek Hamsik, per continuare poi tutta la notte