Vendita Roma Calcio: Unicredit non convince la Sensi

Ore decisive per il futuro dell’As Roma. In questi giorni ci sono gli incontri tra l’Unicredit e l’Italpetroli per parlare del futuro della società giallorossa.

L’obiettivo di questi incontro è correggere la differenza nella valutazione degli asset.

L’Unicredit è sicuro che non ha nessuna intenzione di rilevare l’As Roma, perchè la banca si dovrebbe esporre ad un’offerta pubblica a cui l’Unicredit farebbe volentieri a meno.

Ma in questo caso verrebbe nominato un advisor, si parla della Rothschild Bank, che si incaricherebbe di vendere tutti gli asset, compresa l’As Roma.

L’Unicredit ha ricevuto molte richieste, la prima su tutti da Angelini, ma l’offerta non ha convinto Rosella Sensi, visto che il piano dei nuovi acquirenti parla di un acquisto della società del 50% subito, ed entro il 2012 dell’85%.

Molto probabilmente il presidente della Roma, Rosella Sensi, rimarrà finchè potrà, vendendo degli asset immobiliari.

In questa situazione però, il mercato della Roma è completamente bloccato, soprattutto la trattativa di Burdisso, uno dei punti fermi dei giallorossi nella stagione appena conclusa.