Under 21 Italia – Turchia 2-1, doppietta di Macheda

Si è da poco conclusa Italia-Turchia con il risultato di 2-1 per la Nazionale Under 21.
Buonissima prova dei ragazzi di Ciro Ferrara, all’esordio sulla panchina azzurra, e soprattutto ottima prova di un ragazzo nato e cresciuto nel vivaio della Lazio e attualmente in forza al Manchester United: Federico Macheda.
Due i gol per lui e tante altre buone occasioni non sfruttate.
Grande soddisfazione per Ciro Ferrara e per tutto l’entourage italiano: “Tutti hanno risposto nel modo migliore, la squadra è stata sempre corta e sempre viva. Hanno dimostrato impegno e serietà, sono attaccati a questa maglia. Peccato per il gol preso nei minuti finali, ma c’è tempo per migliorare. La Turchia è stato un ottimo test, non è stata un’amichevole, anche per le botte che si sono dati”.
Oltre alla bella prova offerta da Federico Macheda, un elogio particolare va a Marco Romizzi, centrocampista 20/enne della Reggiana, autore di una splendida prestazione.
A fine gara, l’autore dei due gol italiani ha dichiarato: “Sono molto contento per la prestazione, ci tenevo molto . Non mi aspettavo questa complicità da parte della squadra. Si può sempre migliorare, anche a 35 anni. Credo che Ferguson (allenatore del Manchester, ndr) avrà saputo di questa prestazione”.
Questo il tabellino di Italia-Turchia Under 21:

ITALIA (4-4-2): Seculin (1′ st Perin); Donati  (31′ st Tonelli), Brosco  (16′ pt Camporese), Caldirola  (31′ st Faraoni), Biraghi  (24′ st Crescenzi); D’Alessandro  (15’st Tattini), Romizzi  (31′ st Rizzo), Soriano  (1′ st Giandonato), Fabbrini  (24′ st Misuraca); Destro  (1′ st Borini), Macheda (15′ st Gabbiadini).
Allenatore: Ferrara
TURCHIA (4-3-3): Ozkan, Yusuf Onur , Mahmut  (32′ pt Soner, 24’st Haktan), Baris, Sakib 6 (35′ st Musa sv); Abdukadir , Emre (15′ st Anil), Alper Uludag ; Burak  (15′ st Umut ), Sahin 6(35′ st Fulkan), Alper Potuk  (1′ st Serdar ).
In panchina: Emithan, Onur.
Allenatore: Cetiner 6.
ARBITRO: Bertolini (Svizzera) 6.
RETI: 41′ pt, 11′ st Macheda, 44′ st Ismail Haktan.