UEFA, approvato il progetto di fair play finanziario

platini

Oggi s’è riunito a Nyon, in Svizzera, il Comitato esecutivo dell’UEFA presieduto da Michel Platini. E’ stato presentato un progetto di fair play finanziario per moderare le campagne acquisti delle squadre europee ed evitare che si ripeta in futuro lo tsunami Real Madrid. Le nuove regole entreranno in vigore a partire dalla stagione 2013 / 2014 e prevedono qualcosa destinato a stravolgere le consuetudini del mercato calcistico:

i club partecipanti alle Coppe europee, infatti, non potranno spendere più di quanto avranno incassato, fatta eccezione per alcune clausole riguardanti le infrastrutture e gli investimenti sui vivai. Il progetto è stato votato all’unanimità e si aspetta ora la sua ufficializzazione. Il controllo del mercato finanziario calcistico sarà affidato ad una commissione indipendente, presieduta Jean-Luc Dehaene, ex premier del Parlamento belga. Sembra dunque profilarsi una bella “mazzata” nei confronti dei club spendaccioni e, alla faccia del liberalismo (che paradossalmente è la scuola di pensiero prevalente in Europa), si va incontro alla censura finanziaria che già Silvio Berlusconi aveva proposto con le sue gabbie salariali sugli stipendi dei calciatori.

it.uefa.com

platini