Udinese – Napoli 0-0, Lazio – Pescara 2-0: il dopopartita

Un lunedì calcistico, quello di ieri, 25 febbraio 2013, che, oscurato dalle elezioni politiche, regala molte poche emozioni e sorprese, visti i risultati di Udinese- Napoli e di Lazio- Pescara.

 

Allo stadio Friuli un’abbottonata Udinese, ben schierata da Guidolin, limita un Napoli in fase calante, anche se a dire il vero mancano due rigori agli azzurri e uno ai friulani, ma lo zero a zero non accontenta e non scontenta nessuno, perché per il Napoli era importante vincere ma anche non perdere in vista del prossimo incontro di venerdì al San Paolo. Gli uomini di Mazzarri a questo punto della stagione potevano sicuramente aver fatto di più ma la possibilità di andare a meno tre dalla Juventus capolista, aggiudicandosi lo scontro diretto, infliggendo un colpo psicologico alla squadra di Conte non è di certo da buttare visto che il campionato è ancora lungo. Senza considerare l’effetto San Paolo che sarà galvanizzato dalla presenza del mito di sempre, Diego Armando Maradona. E’ la Juve, venerdì, che avrà di che preoccuparsi per novanta minuti se Mazzarri saprà ricompattare un ambiente sicuramente turbato dalla mancanza di gol, non solo di Cavani…

La Lazio di Petkovic ha battuto il Pescara senza troppe difficoltà e sorprese, i bianco celesti hanno regolato gli ospiti con un secco due a zero e sono così riusciti ad approfittare del passo falso fatto dall’arrembante Milan in occasione del pareggio nel Derby della Madonnina di domenica scorsa. Marchetti e compagni si portano a casa tre punti e consolidano il loro terzo posto che vale i preliminari di Champions League, alle spalle della Juventus e del Napoli.

 

 

 

 

Lega-Serie-A (1)