Serie A 21 aprile 2012 Napoli – Novara 2-0, gol di Cavani e Cannavaro

250px-Paolo_Cannavaro_-_SSC_Neapel_(2)

Per passare la nuttata il Napoli, contro il Novara, ha dovuto far notte, complice anche l’infortunio capitato all’arbitro a inizio gara che ha ritardato l’incontro di una ventina minuti.

Una volta ripreso regolarmente il gioco Cavani prima, sfruttando un errore di Fontana, e Paolo Cannavaro poi, hanno portato il Napoli sul due a zero nei confronti del Novara, squadra non di certo trascendentale in trasferta.

Ci volevan quindi la ritrovata spinta di Maggio e il rigoroso impeto di Dzemaili a centrocampo per far rivedere un po’ di polvere di stelle in questa squadra, il Napoli di Mazzarri, che mai aveva perso prima d’ora tre incontri di seguito, ma si sa la fortuna aiuta gli audaci e così quando agli azzurri mancano uomini importanti come Lavezzi e Pandev, il calendario della seria A porta al San Paolo  il Novara, avversario di bassa classifica che più che provare a limitare i danni stasera non ha proprio potuto fare di più.

Il Napoli prende i tre punti, guarda l’Udinese pareggiare e aspetta l’esito della gara della Lazio sperando di poter riaprire i giochi per il terzo posto che vale quella Champions League arenatasi quest’anno allo Stamford Bridge di Londra, dove sotto le bordate di Drogba e compagni è caduto anche il Barcellona delle meraviglie, una magra consolazione vero, ma dopo le ultime nuttate viste da queste parti un lumincino può davvero essere la fiammella pronta ad accendere la miccia del San Paolo che nei minuti finali ha applaudito l’ex Mascara, ammirato qualche tocco di classe del speranzoso Vargas, registrando il debutto in serie A del ventiduenne Ammendola, numero 90 senza paura.