Serie A 22 settembre 2013 Milan-Napoli 1-2, straordinario Higuain

Serie A 22 settembre 2013 Milan-Napoli 1-2, straordinario Higuain

Un bellissimo Napoli espugna San Siro, un’impresa che non accadeva dai tempi di Maradona e che proietta la squadra di Benitez in testa al campionato insieme alla Roma. Un risultato giusto questo 2-1, maturato grazie alle prestazioni davvero maiuscole di uomini come Higuain e Reina, veri mattatori della serata. Ancora più clamoroso è il primo rigore parato a Mario Balotelli, che si ferma così a quota 21. Il Milan ha giocato forse la sua miglior partita della stagione, ma alcuni vecchi problemi (la distrazione sui calci piazzati), un po’ di sfortuna e soprattutto la caratura degli avversari, sono maturati in una sconfitta che lascia i rossoneri a -8 dalla testa della classifica. Il campionato è ancora lungo, ma se davvero Allegri aveva programmato la preparazione per avere una partenza più veloce rispetto al solito, allora c’è decisamente qualcosa che non è andato per il verso giusto.

I primi dieci minuti sono da sogno per il Napoli. A parte un blando cross in mezzo all’area di Reina, i partenopei hanno mantenuto saldamente il pallino del gioco. Il Napoli è in grandissima forma e si vede, dato che fa paura prima con Hamsik e poi va vicinissimo al gol con Behrami, che però calcia alto. Higuain ha un’altra occasione, ma la rete arriva da calcio piazzato: la palla piomba in area milanista dopo un calcio di punizione e Albiol rimette dentro di testa dove sta arrivando lo smarcatissimo Britos. Abbiati impotente e battuto: il Napoli è meritatamente in vantaggio. I tifosi rossoneri cominciano ad aver paura di diventare la vittima sacrificale degli avversari, ma i rossoneri riescono a scuotersi: Balotelli è il più attivo dei suoi, riuscendo a concludere per tre volte pericolosamente verso Reina, pur senza riuscire a trovare la rete. La partita è molto bella ed equilibrata, con entrambe le squadre che riescono a crearsi occasioni ghiotte per segnare. Hamsik sfiora il raddoppio di testa e poi cerca di concludere un contropiede che solo il provvidenziale intervento di De Jong interrompe. Dall’altra parte è sempre Balotelli a rendersi pericoloso, anche se occorre segnalare l’ottima prova di Matri, Muntari e anche di Birsa. Sul finale un po’ di preoccupazione per Balotelli, che esce nei minuti finali per un colpo al ginocchio, ma poi rientra nella ripresa. Il Milan potrebbe chiedere un rigore per un intervento di Zuniga su Poli, ma si tratta di una situazione davvero al limite e il giudice di porta era ben posizionato.

Il secondo tempo si apre con il Milan ancora alla ricerca del pareggio e in questo caso è davvero macroscopica l’occasione capitata sul piede di Mexes, che però non riesce a deviare. Il Napoli ha bisogno di piazzare il colpo del KO e ci riesce al 54°: Higuain, il migliore dei suoi fino a quel momento, spara un vero missile verso la porta di Abbiati, che devia, ma non abbastanza. Il raddoppio sembrerebbe mettere definitivamente la parola fine al match, ma al Milan occorre riconoscere una determinazione che fino ad oggi non si era ancora vista nella squadra di Allegri. Al 60° ecco che arriva la svolta più clamorosa del match: rigore netto per il Milan. Balotelli si presenta sul dischetto, ma un super Reina gli para il suo primo rigore da professionista. Si ferma così a 21 la serie di trasformazioni consecutive del numero 45 rossonero. Il carattere duro del bresciano, però, si vede anche in questa occasione, dato che non si lascia prendere dalla delusione e al 70° prende addirittura una traversa. Un legno che, dall’altra parte, suona come una sentenza. Il Napoli gioca bene e si difende con grande ordine. Ogni tentativo rossonero, per quanto pericoloso, viene neutralizzato da un Reina in edizione Superman. All’88° il Napoli sfiora la rete del 3-0 (francamente eccessivo) con il neo entrato Pandev e due minuti dopo finalmente Balotelli centra un grande gol che rende il risultato assolutamente giusto in ogni sua parte (il Napoli meritava la vittoria, ma il Milan aveva diritto almeno al gol della bandiera). Purtroppo Balotelli rovina la sua comunque buona prestazione protestando dopo il triplice fischio con l’arbitro, guadagnandosi un’altra ammonizione e la conseguente espulsione.

Serie A 22 settembre 2013 Milan-Napoli 1-2, straordinario Higuain