Serie A 2014-2015: i movimenti in panchina, nuovi allenatori

Serie A 2014-2015: i movimenti in panchina, nuovi allenatori

Il calciomercato vero e proprio inizierà solamente a luglio. Ora è il momento di sistemare le faccende inerenti gli allenatori, in teoria principali responsabili proprio di quel mercato che si andrà a fare. Sono numerose le squadre ancora poco sicure del loro trainer, molte meno quelle salde sulle loro posizioni. Tra le più importanti ci sono la Juve con Conte, la Roma che ha appena rinnovato con Garcia, il Napoli con Benitez e la Fiorentina con Montella. Le altre sono ancora tutte da decidere.

Il Milan è l’esempio lampante di questa situazione, anche se ormai i giochi sembrano fatti. Il comunicato ufficiale, per ragioni puramente economiche, ancora non c’è stato, ma Seedorf verrà sicuramente esonerato e il suo posto verrà preso da Filippo Inzaghi, idolo dei tifosi e apprezzato sia da dirigenza e giocatori. Nel suo palmares come coach figura già il Trofeo di Viareggio. Non sarà molto, ma è meglio di nulla. Dall’altra parte del Naviglio la sensazione è che Mazzarri rischi di rimanere più per mancanza di alternative che per vera convinzione del presidente Thohir. L’ex allenatore del Napoli, però, è arrivato in nerazzurro in una stagione di passaggio societario molto importante, che nonostante si sia concretizzato in inverno, era sicuramente già in gestazione da parecchio. La prossima sarà la stagione della consacrazione o della bocciatura senza appello.

Infine c’è l’Udinese, che sembrava essersi ormai accasata con Del Neri e che invece virerà con decisione su Andrea Stramaccioni. L’ex allenatore della Primavera dell’Inter è rimasto invischiato in una stagione negativa senza averne particolari colpe e correva il rischio di rimanerne segnato. Ora, invece, arriverà una preziosissima seconda occasione in una piazza ambiziosa, ma non nevrotica. Se il futuro di Strama sarà sulla panchina, lo scoprirà in questa avventura friulana.

Serie A 2014-2015: i movimenti in panchina, nuovi allenatori