Scudetto 2006: le ultime news da Inter e Juventus

scudetto2006

L’estate del calcio italiano 2011, privata dei grandi colpi di calciomercato per via della crisi economica, si nutre ora di polemiche risalenti ad antiche rivalità. Che Juventus e Inter non si fossero mai amate troppo era cosa nota, ma dopo le settantadue famose pagine del procuratore Stefano Palazzi sulla Calciopoli del 2006 si sono riaperte le ostilità, fortunatamente solo a livello verbale per ora, tra Milano e Torino.

Così ci ritroviamo, come in tempo di guerra, ad aspettare comunicati stampa e dichiarazioni come fossero bollettini, da un capoluogo di regione all’altro.

Il presidente bianconero Agnelli, deciso a riportare la Vecchia Signora alla sua Grandeur e  non si lascia intimidire, chiedendo rispetto per la sua società, che per via di Calciopoli è finita in serie B. Andrea Agnelli rivendica il fatto che soltanto la Juventus, a causa di quella retrocessione, è stata l’unica società ad aver subito danni patrimoniali ingenti dalle decisioni prese nel 2006, ma ora la Juventus ha i mezzi per potersi muovere fuori dalla giustizia sportiva, anche se per ora non vuole farlo, in attesa del 18 luglio quando la Federazione sarà chiamata a esprimersi sull’esposto bianconero. La Juventus si fa forte delle motivazioni espresse da Palazzi, dove qualcosa di poco chiaro è emerso e per questo motivo la Juventus pretende una parità di trattamento.

Massimo Moratti, presidente dell’Inter, ha sempre sbandierato l’integrità e l’onestà del suo club e in questo momento si sente accerchiato, tanto da arrivare a dichiarare che “c’è una battaglia contro l’Inter” e mollare, adesso non è un’idea che lo sfiora, soprattutto ora che c’è da difendere l’onore di una bandiera storica, Giacinto Facchetti, che nemmeno la morte è riuscita ad ammainare, per questo motivo Moratti non molla in attesa di sviluppi e se lo scudetto sarà revocato l’Inter ha già pensato alle strategie da seguire, presentando un ricorso al Tar, ma se tutto resterà com’è, potrebbe essere la Juventus a chiedere un risarcimento danni ai giudici ordinari.

Non ci resta che aspettare.