Roma: Sabatini tra Totti e Luis Enrique



Il momento della Roma non è certo facile, sconvolta com’è dall’eliminazione dell’Europa League e stravolta dalla corsa agli acquisti dell’ultimo minuto di questo calcio mercato. Spetta così al rampante Luis Enrique gestire una situazione di certo non facile, visto lo strappo con capitan Totti, tentando così di amalgamare questa nuova interessante giovane rosa di prospettiva messagli a disposizione dalla società.

Tocca così al direttore sportivo della Roma, Walter Sabatini, gestire il gestibile davanti alla stampa, difendendo l’allenatore, per non far naufragare in anticipo il nuovo progetto di rifondazione societario e, cercando di spronare allo stesso tempo l’eterno capitano, indiscutibile valore aggiunto della squadra.

Sabatini parlando ai microfoni ha difeso Luis Enrique, che a suo dire, va tutelato per permettergli di lavorare. Il ds sa che il tecnico spagnolo non è infallibile anche perché lo stesso direttore sportivo ha confidato che contro lo Slovan Bratislava non avrebbe mai sostituto il capitano che invece dovrà evitare, secondo il Sabatini pensiero, di diventare quello che si è mangiato un altro allenatore. Totti anima e cuore della Roma, anche se da Los Angeles, sponda Galaxy, le sirene si fanno sempre più insistenti, già si parla di un’offerta pronta a gennaio per tentare di convincere il Pupone a tentare l’avventura Made in Usa.

Ma le dichiarazioni del direttore sportivo non finiscono qui perché c’è anche la vicenda Daniele De Rossi che tiene ancora banco:

“Il suo contratto mi preoccupa, ma so che vuole rimanere e finirà così. Se così non fosse sarebbe una grave perdita ma la accetteremo”