Risultati Serie A 11 marzo 2012: Milan – Lecce 2-0, Nocerino e Ibrahimovic

Risultati Serie A 11 marzo 2012: Milan – Lecce 2-0, Nocerino e Ibrahimovic

Una partita forse non bellissima, ma comunque utile per vedere il Milan tornare alla vittoria dopo la brutta e paurosa battuta d’arresto di Londra. Il Lecce cerca come può di resistere e in alcuni momenti quasi rischia di far paura ai rossoneri, ma è proprio in questi casi che l’abilità dei fenomeni si fa sentire. In questo caso parliamo del solito Zlatan Ibrahimovic, capace di chiudere un match che sul risultato di 1-0 sembrava pericolosamente in bilico.

Bastano sette minuti dopo un commovente ricordo di Marco Simoncelli, scomparso in Malesia proprio nel giorno del match di andata, per vedere i rossoneri davanti. Robinho e Ibrahimovic riescono a mettere Nocerino in condizione di tirare dalla lunga distanza. Il centrocampista napoletano, complice anche la deviazione fortuita di un difensore leccese, mette così a segno l’ennesimo gol di questa sua eccezionale stagione.Il Milan gioca bene, ma con il passare dei minuti il suo raggio d’azione arretra sensibilmente e i giallorossi avrebbero anche qualche possibilità di fare male. Bojinov e Muriel, però, finiscono per non impensierire mai più di tanto Abbiati e il primo tempo si chiude sull’1-0.

Nella ripresa i pugliesi, orfani dello squalificato Serse Cosmi, tentano di premere un pochettino di più. Il possesso palla è spesso in mano ai giocatori ospiti, che però non riescono a pungere. La sensazione è che il Milan debba trovare al più presto la rete, prima che il Lecce possa giocare qualche brutto tiro. Detto e fatto: Emanuelson funge da sponda volante per Ibrahimovic, che piazza un tiro di potenza dei suoi per battere Benassi e raddoppiare. Se il Lecce non riusciva a pungere prima, la rete del 2-0 ha un effetto quasi soporifero sul match, che vive solo di fiammate, quasi sempre rossonere. A dieci dalla fine Ibra cerca di mettere in mezzo per l’accorrente El Shaarawy, ma il suo passaggio viene intercettato. Il triplice fischio finale, complice lo 0-0 della Juve sul Genoa, porta i ragazzi di Allegri a +4. Meglio di così difficilmente poteva andare.