Ricorso Parma Europa League: oggi la sentenza definitiva

EUROPA-LEAGUE

In giornata sapremo chi tra Parma e Torino andrà a disputare, il prossimo anno l’ Europa League. Il verdetto sul campo è stato favorevole agli emiliani ma la Uefa ha bloccato il verdetto a causa di un’insolvenza da 300mila euro che la società di Ghirardi ha provveduto a colmare solo dopo la sentenza sfavorevole di primo grado.

La società emiliana ha chiesto all’Alta Corte di dichiarare infondato il diniego della FIGC al rilascio della Licenza UEFA 2014-2015 e, per l’effetto, di pronunciare qualsiasi altro provvedimento utile alla partecipazione della Società stessa alla competizione “Europa League 2014-2015. Il presidente Tommaso Ghirardi si è così pronunciato: “Io faccio sport per passione.Ho pagato 13 milioni di euro per questa benedetta licenza Uefa, e domani pagherò altri 10 milioni perché il Parma ha sempre onorato tutto e non è mai stato sanzionato in 7 anni di mia gestione. Mi meraviglio del Torino, ho ricevuto la telefonata da mio grande amico Urbano Cairo che mi ha fatto i complimenti per aver vinto sul campo l’Europa League, credo che lo stesso Cairo non sia d’accordo a dover partecipare a questa coppa perché lo sport è un gioco. E’ il giuoco del calcio. Chiedo scusa per la mia emozione vi ringrazio e ringrazio pubblicamente anche il presidente Cairo per la telefonata che mi ha fatto il 20 maggio”.

A breve conosceremo l’atteso verdetto, riuscirà il Parma a giocarsi quando conquistato sul campo o sarà chiamato il Torino a difendere i colori italiani nella prossima Europa League? Continuate a seguirci, sempre qui, sulle vostre affezionate pagine on line di Sport10.

EUROPA-LEAGUE