Recupero Serie A 15 febbraio 2012, Parma – Juventus 0-0





Donadoni fa un grandissimo favore al suo Milan, bloccando la Juventus al Tardini nel primo dei due recuperi che devono essere giocati dai ragazzi di Antonio Conte. Dopo che per tutta la settimana si era detto che i bianconeri potessero subire la pressione di dover inseguire il Milan, primo con due partite in più, questa sera si è forse concretizzata la paura dei tifosi della Vecchia Signora.

Donadoni erige un vero e proprio muro difensivo all’insegna del “primo, non prenderle” e come contro il Siena la tattica funziona. La Juventus ha in mano il pallino del gioco e domina, ma purtroppo in questo sport i punti si conquistano solamente con i gol, che non arrivano. La Juventus potrebbe recriminare su due possibili rigori su Giaccherini e Pirlo, così come molto dubbio è un episodio in area bianconera su Giovinco. Nel primo tempo le uniche occasioni arrivano da calcio piazzato, con Chiellini sfortunato a colpire il palo da punizione di Pirlo. Il forcing della Juve è continuo, ma non sfocia mai nella rete, con grande frustrazione degli stessi giocatori.

Andrea Pirlo inventa gioco e sfiora anche a più riprese la rete, ma alla fine non riesce a metterla dentro nemmeno lui. Vucinic, dal canto suo, non punge per nulla e non sorprende che si sia ormai bloccato da tempo a quota tre reti in campionato. Anche Matri e Quagliarella, però, non sono risolutivi e alla fine il grande merito va al Parma.

Ora la Juventus è ancora seconda in classifica alle spalle del Milan a una lunghezza di distanza. Poteva stare già avanti e se prima c’era pressione sui ragazzi di Allegri, ora i problemi potrebbero aumentare. La Juve di quest’anno ha tutto ciò che occorre per tenere duro, ma forse è arrivato davvero il momento di dimostrare di essere una grande squadra.