Qualificazioni Europei 2012 Italia – Slovenia 1-0 gol di Pazzini





L’europeo 2012, quello schiaffo in faccia che l’Uefa diede alla nostra federazione assegnandolo alla strana coppia Polonia e Ucraina, è finalmente alle porte. L’Italia non ha potuto organizzarlo, battuta nella corsa finale dalla candidatura unita dai due paesi dell’est, ma almeno ora potrà cercare di vincerlo. Certo, la qualificazione è arrivata, ma la strada fino agli stadi di Varsavia e Kiev è ancora lunga.

Gli azzurri, a corto di preparazione, con il campionato di calcio di serie A che deve ancora cominciare e con la serie B che, come ci ricorda Zeman, toglie a Prandelli Ogbonna e Palombo, riescono a battere con identico risultato e identiche prestazioni, a dire il vero, le Isole Far Oer prima e la Slovenia poi. Se per la nazionale delle isole ci è voluto un gol di Cassano, per scardinare la difesa bianco verde della Slovenia, Prandelli ha dovuto rispolverare dalla panchina Giampaolo Pazzini.

L’attaccante dell’Inter per una sera è tornato al suo passato viola, con Prandelli, in panchina, allo stadio Artemio Franchi, ma poi l’appuntamento con il destino l’ha reso “Re per una notte”, facendogli segnare il gol qualificazione a cinque minuti dal termine dei 90 minuti.
Lo stesso Pazzo ha dichiarato:

“E’ stato proprio un bell’effetto andare in rete, anche perché in Nazionale ne ho segnate poche. Segnare a Firenze, poi, è stato bellissimo. non mi lamento, il C.T. mi ha sempre chiamato e tenuto in considerazione…Non andremo all’europeo a fare le comparse”

ITALIA-SLOVENIA 1-0
84′ Pazzini (I).

ITALIA (4-3-1-2): Buffon; Cassani, Ranocchia, Chiellini, Balzaretti; Thiago Motta (46′ Marchisio), Pirlo, De Rossi; Montolivo (76′ Balotelli); Rossi, Cassano (60′ Pazzini). All.: Prandelli.

SLOVENIA (4-2-3-1): Handanovic; Brecko, Suler, Bostjan, Jokic; Koren, Radosavljevic; Birsa (57′ Ilicic), Vrsic (76′ Pecnik), Kirm (85′ Dedic); Novakovic. All.: Kek.

ARBITRO: B. Heynemann (Ger).

AMMONITI: Koren (S), Balzaretti (I), Brecko (S), Pecnik (S).