Pastore Psg: i dettagli dell’operazione

pastore

 “Faccio il mio personale in bocca al lupo alla squadra e ai tifosi che sono eccezionali e meritano tanti successi a cominciare da quello di stasera. Speriamo che l’Europa League possa essere per il Palermo un po’ più lunga della scorsa stagione. Io, per adesso, mi trovo all’estero e seguirò la partita su internet. A fine gara forse chiamerò qualche compagno per farmi raccontare come è andata”.

Così parlava ieri sera Javier Pastore mentre il Palermo pareggiava due a due, in extremis con un gol capolavoro del solito Fabrizio Miccoli su punizione, contro gli svizzeri del Thun. Perché il Flaco è ormai quasi un ex del Palermo, visto l’interesse concreto del Paris Saint Germain, manca praticamente solo la firma. Per la cessione del suo gioiello il Palermo incasserà quarantacinque milioni di euro.

In nemmeno 24 ore il club francese, attraverso il suo uomo di mercato, l’ex allenatore dell’Inter Leonardo, si è portato a casa due pezzi pregiati della formazione rosa nero, infatti oltre all’attaccante argentino a Parigi è già approdato il portiere della nazionale azzurra Sirigu.

Javier Pastore è nato a Cordoba in Argentina e ha cominciato a giocare nelle giovanili del Talleres de Cordoba, squadra con cui ha raggiunto la serie A. Nell’estate del 2009 è stato acquistato dal Palermo per 4,7 milioni di euro, collezionando qualcosa come 69 presenze e 14 gol, utili per essere convocato  poi nella nazionale argentina allenata da Diego Armando Maradona.

La nostra serie A saluta quindi un altro talento, un calciatore di assoluto livello che, almeno per il momento, non verrà rimpiazzato mentre il patron dei siciliani, Zamparini, gongola per l’affare realizzato, una plus valenza di mercato di sicuro valore.