Partite nazionali: il programma della settimana

Partite nazionali: il programma della settimana

È tempo di verdetti nelle qualificazioni ai Mondiali 2014, sia per gli Azzurri che per un grande numero di altre nazionali di primissimo piano. La strada per il Brasile in molti casi è già tracciata e serve solamente un ultimo sforzo per prenotare albergo e biglietti aerei.

Proprio l’Italia sarà impegnata in una doppia sfida con Bulgaria e Repubblica Ceca: una doppia vittoria garantirebbe ai ragazzi di Prandelli la matematica qualificazione alla competizione. Occorre però fare molta attenzione alla Repubblica Ceca. In caso di vittoria italiana contro la Bulgaria, infatti, i cechi avrebbero l’occasione di difendere il secondo posto nella sfida contro l’Italia e per questo motivo venderanno carissima la pelle. Delicata la situazione della Danimarca: la facile sfida contro Malta è determinante. Se non vince, è fuori.

Come detto, però, i verdetti non stanno arrivando solo per gli Azzurri. La Germania, ad esempio, è attesa dal sempre affascinante “derby” contro l’Austria e, in caso di vittoria, sarebbe matematicamente qualificata in Brasile. Alle sue spalle si sfidano in un incontro da “dentro o fuori” l’Irlanda e la Svezia. Nel Gruppo D l’Olanda è praticamente qualificata, mentre il secondo posto è una faccenda tra Romania e Ungheria, che avranno proprio in questa tornata il loro scontro diretto. Nel Gruppo F Portogallo, Russia e Israele si stanno letteralmente azzuffando per il primato e sono proprio i lusitani, per varie questioni di classifica, a dover sudare freddo, soprattutto perché gli avversari sono attesi da impegni piuttosto semplici. L’Inghilterra dovrà vincere in Moldavia e sperare che il Montenegro faccia un passo falso in terra polacca.

La Spagna è in trasferta in Finlandia con la Francia indietro di solo un punto. I ragazzi di Blanc sono in viaggio verso la Georgia e la vittoria non dovrebbe essere un problema. La Slovacchia va in Bosnia sperando di tenere il passo della Grecia (seconda alle spalle della Bosnia), sempre più imprendibile, mentre la Svizzera, vincendo fuori casa in Islanda, sarebbe quasi qualificata. Determinante la delicatissima sfida tra Serbia e Croazia, non solo per la rivalità tra le due nazioni, ma anche per la classifica croata. Una sconfitta vorrebbe dire fuga del Belgio e obbligo di playoff.

Partite nazionali: il programma della settimana