Palermo – Juventus 2-1: la crisi (e i guai) passano per Facebook

palermo juventus 2-1

Nella 23° giornata di campionato Il Palermo affonda la Juve per 2-1.

La vecchia signora esce sconfitta e sempre più in crisi. Anche gli ossigenatori Matri e Barzagli a nulla son serviti contro i gol di Pastore e Miccoli.

Il capitano palermitano mette a sedere Buffon con la complicità dell’italo argentino firmando la prima rete dopo solo 5’ di gara. Al 20’ il Palermo replica e assist perfetto per Migliaccio, infila un raddoppio che gela i tifosi bianconeri.

Fino al gol di Marchisio il neo acquisto Matri sbaglia almeno tre occasioni poi al 32’ la Juve sogna dopo il gol del centrocampista, almeno un pareggio, ma il Palermo spegne ogni gloria e dilaga dentro e fuori dal campo come un tornado lasciando Delneri e ciurma in balia della tempesta.

Ed è proprio il comandante Gigi Delneri ad essere il più coinvolto e travolto. In sala stampa l’allenatore bianconero è infuriato contro Morganti che, pare, sia il vero responsabile della sconfitta juventina non concedendo ben tre rigori! Le sue dichiarazioni parlano di un certo preteso rispetto in campo e di una serie, presunta, di volte che questa mancanza avviene nel corso del campionato.

A rincarare la dose poi arrivano anche le ormai certe dichiarazioni di Felipe Melo sul social network più famoso del pianeta, Morganti bandido, si legge, ed è bufera! La dirigenza Juventina ripara meramente dicendo che si tratta di un hacker che ha craccato il profilo del centrocampista e ha inserito il tutto e chiude la pagina, per così dire, fino a data da destinare.

In tutto questo dice la sua anche Delio Rossi che spende giusto le righe necessarie alla vicenda rigori negati e mano di Bovo. Il tecnico palermitano parla di caso ecclatante se la Juve si lamenta ma se accade al Palermo tutto tace. Circa il fallo di mano dice che c’è stato ed è stato netto come quello che hanno subito loro contro l’inter la scorsa domenica.