Nuovo stadio Juventus 2011 foto

juve2

Gli operai stanno dando gli ultimi ritocchi, ma c’è già aria di festa. Ecco per cominciare un po’ di numeri: 90 000 metri quadri di superficie dello stadio, 34 000 metri quadri di aree commerciali, 30 000 aree verdi esterne, 3 spogliatoi (due per le squadre e quello riservato ad arbitro, assistenti e quarto uomo), 4 mila posti auto, 7,5 metri di distanza tra il campo e la prima fila (49 quella con l’ultima fila), 41 mila posti a sedere, con 64 sky box, 275 posti per i giornalisti e 21 bar sparsi in tutti i settori dell’impianto, ai quali sono da aggiungere anche le otto aree destinate alla ristorazione.

 

Numeri importanti dunque per la nuova casa della Juventus, che sarà inaugurata domani contro il Notts County e non è un caso la scelta della squadra avversaria perché la Juventus, originariamente in maglia rosa, divenne bianco nera ispirandosi proprio ai colori sociali dello storico club inglese. Ma la serata di domani sarà tutto uno spettacolo, organizzata da K-events di Marco Balich, avrà come madrina Cristina Chiabotto e conterà sulla partecipazione del presidente bianco nero Andrea Agnelli, del sindaco di Torino Piero Fassino e di Linus che introdurranno i tifosi partecipanti a un viaggio nella storia bianco nera, dalle vittorie ai trionfi senza però trascurare le perdite e le tragedie, come la scomparsa di Gaetano Scirea o il dramma dell’Heysel.

Nei piani della Juventus questo nuovo gioiello architettonico dovrebbe permettere un ricavo di 32 milioni, il venti per cento del fatturato totale. Al momento lo stadio si chiama Juventus Stadium ma la Sportfive, sta cercando la sponsorizzazione, in cambio dei diritti del nome per 6,5 milioni dall’anno per dodici anni.