Nba, Play off 2012: che musica per Oklahoma

nba

Oklahoma, non è solo un musical, ma grande musica suonata sul parquet da cinque interpreti strabilianti che, almeno per il momento, in questa serie di play off NBA stanno annichilendo i Lakers.

Siamo infatti sul due a zero per i Thunder, squadra di provincia potremmo dire, che sta dominando i ben più blasonati Los Angeles Lakers. L’allenatore del momento non può quindi che essere lui, Steve Brooks, battagliero anche ai microfoni dove dichiara: “Arrendersi non è nel nostro Dna, altrimenti non saremmo arrivati fino a qui”.

Dal mezzo del nulla, in the middle of nowhere per dirla all’americana, questa squadra sorprende il mondo del basket e pensare che nel 2008 si trovarono a prendere il posto dei Super Sonics, accantonati da Seattle.

Passando a Boston vediamo che i Celtics si trovano ora sul 2 a1 nella loro serie contro Philadelphia. Kevin Garnett ha realizzato 27 punti e 13 rimbalzi per la vittoria in trasferta dei Celtics. La media di Garnett è di 23,7 punti e 12 rimbalzi ma Kevin rende bene anche in difesa visto che Philadelphia quando Garnett è in campo ha visto ridursi la propria percentuale al tiro dell 11%.

Questi i risultati

Est

Indiana Pacers-Miami Heat 94-75 (Serie sul 2-1 Indiana)

Philadelphia- Boston 91-107

Ovest

Oklahoma City-Los Angeles Lakers 77-75, gara tre sarà trasmessa stanotte in diretta all 4:30 su sky sport 2

San Antonio Spurs-LA Clippers 105-88 (Serie sul 2-0 San Antonio)

 

Per gli amanti della precisione riportiamo che Oklahoma! È stato il primo musical scritto da Rodgers e Hammerstein. Il musical è tratto dalla commedia di Lynn Riggs del 1931, Green Grow the Lilacs. E la sua fama, al momento è oscurata dagli attuali successi ottenuti nella pallacanestro dagli Oklahoma City Thunder.