NBA 2009/2010, al comando i Boston Celtics

La nuova stagione NBA è iniziata da 5 giorni e c’è già una certezza: Boston. I Celtics guidati dai Big Three con a spalla Rondo, Perkins e Wallace hanno fatto 4 su 4, con la ciliegina sulla torta la vittoria all’opening night contro i Cleveland.

Appunto i Cleveland, che si trovano al momento con 2 sconfitte e 2 vittorie; l’altra sconfitta oltre Boston è stata contro Toronto guidata dal nostro italiano Bargnani e dal compagno di squadra Bosh.

Gli altri favoriti all’est, gli Orlando Magic stanno seguendo sulla stessa riga i Celtics, infatti il record dei vice campioni è di 3 vittorie e 0 sconfitte, con Howard e Carter che stanno trascinando letteralmente la squadra.

Ad ovest invece c’è già una sorpresa, i campioni uscenti, i Los Angeles Lakers hanno perso una partita casalinga contro Dallas, e ora si trovano con 2 vittorie e 1 sconfitta all’attivo. Nella stessa situazione dei LA ci sono anche i San Antonio Spurs, Houston, Dallas e Oklahoma City, quest’ultimi trascinati da Kevin Durant.

A guidare l’ovest division ci sono i Denver e i Phoenix, tutti e due con 3 vittorie e 0 sconfitte. I Nuggets sono guidati da uno stratosferico Carmelo Antonhy che per due volte ha già superato 40 punti, mentre per i Phoenix il ritorno di Jason Richarson e l’esplosione di Frye portano molto buon umore.

Un occhio di riguardo per i nostri 3 italiani: Gallinari, Bargnani e Belinelli. Il “Gallo” sta facendo faville, anche se i suoi NY hanno perso 3 partite su 3. Danilo ha esordito al Garden con 22 punti partendo dalla panchina nella prima partita dell’anno contro Miami; poi contro i Bobcats sempre dalla panchina ne mette a referto 13 anche se NY esce ancora sconfitta in casa.

Ma dopo c’è il boom contro i 76ers, infatti Gallinari mette 30 punti con 8/16 da 3 partendo nel quintetto titolare per la prima volta nella stagione.

Per i due canadesi la musica è differente, almeno per Belinelli che ancora non riesce ad esprimersi; mentre il Mago ne mette 28 portando i Toronto alla vittoria sui Cavaliers, il Beli ne mette solo 10. Contro i Memphis la musica non cambia, Bargnani ne mette a referto 13 e Belinelli 7; infine l’ex trevigiano ne ha messi a segno 26 contro gli Orlando Magic mentre l’ex fortitudo è entrato appena 5 minuti e non è riuscito a segnare un punto. 

nba