Nazionale Polonia – Italia 0-2: buoni e cattivi

nazionale-polonia-italia-barzagli

A Breslavia, o Wroclaw come direbbero i polacchi, è andata ieri sera in scena la partita Polonia – Italia 0-2. Alla Nazionale Italiana è bastato un goal di Super Mario Balotelli nel primo tempo ed uno realizzato dal ‘Pazzo’ Pazzini nella ripresa per rovinare le festa nazionale polacca, che proprio l’11 novembre del 1918 ha conquistato l’indipendenza nazionale. La gara inizia in sordina con 12 minuti di assoluto vuoto in campo. Il goal del Balo arriva al 30° minuto, con Marchisio che recupera un pallone a metà campo e lo serve a Super Mario, che si gira e piazza una palla a giro sul secondo palo imprendibile per Szczesny e sigla così la sua prima rete azzurra. Il primo tempo si chiude con l’Italia in vantaggio e poche emozioni nel finale.

Nella ripresa i cambi si susseguono in entrambe le formazioni. Al 15° minuto arriva anche il raddoppio, con Balotelli che stavolta si trasforma in assistman per il ‘Pazzo’ Pazzini che di punta beffa ancora il portiera polacco. Nel finale occasione per la Polonia di accorciare le distanze per un fallo da rigore conquistato da Lewandowski. Gigi Buffon tuttavia è bravissimo ad intercettare e respingere il tiro dagli 11 metri e blindare la porta azzurra. Da sottolineare la prova di Balotelli e di Buffon, punti certi della gara di ieri. Buono anche l’esordio del milanista Abate, partito titolare dal primo minuto. Un po’ sottotono invece Criscito e De Rossi apparsi non in serata. Nel complesso l’Italia porta a casa l’11° risultato positivo dell’era Prandelli proprio l’11 – 11 – 2011, un segno o uno strano scherzo del destino?