MotoGP Olanda 2011: Marco Simoncelli in pole position

MotoGP Olanda 2011: Marco Simoncelli in pole position

SuperSic sempre di più! Marco Simoncelli ha centrato un’altra grande pole position nel Gran Premio d’Olanda ad Aspen, confermando, come se ce ne fosse ancora bisogno, il continuo progresso del talento italiano. Nel weekend che doveva essere quello del primo riscatto di Valentino Rossi, dotato di una Ducati tutta nuova, è stato invece il pilota Honda ad avere la meglio su tutti. Il tempo di 1:34.718 è stato sufficiente per sopravanzare Spies, autore anch’egli di una grandissima sessione di qualifiche, che però gli sono valse solamente il secondo posto. I due mattatori del Motomondiale, Stoner e Lorenzo, sono rispettivamente terzo e quarto, pronti comunque a farsi valere nel momento in cui si “scatenerà l’inferno”.

Nonostante la moto nuova, Valentino Rossi è solamente undicesimo, con quasi due secondi di ritardo rispetto ai primi della classe. Una brutta botta per la nuova Ducati GP11.1, che si vede sopravanzata da ben altre tre moto della scuderia italiana, condotte da Abraham, Hayden e De Puniet. Probabilmente qualcosa è andato storto, perché le prove libere avevano fatto registrare ben altro passo. Quante saranno le possibilità di Valentino di recuperare in gara?

Nel frattempo Simoncelli sente odore di grande occasione.«Qui si corre di sabato, quando sono sempre andato forte e magari riusciamo a svoltare – sono state le sue parole alla Gazzetta dello Sport – Meritiamo un gran risultato, che è sempre stato alla nostra portata e che è sfuggito spesso per una marea di situazioni. Quest’anno mi è successo di tutto, ma quando esci da situazioni difficili, come il clima di Barcellona, sei rafforzato. Per la gara il passo migliore ce l’abbiamo io e Spies: mi trovo bene con bagnato e asciutto, ma spero in una corsa senza pioggia, perché ha sempre delle incognite. Non devo fare errori in gara e anche se il diretto avversario non è Stoner, ma Spies, lui merita la stessa considerazione. Vale 11°? Mi dispiace, vuol dire che hanno dei problemi e devono lavorare tanto. Mi avrebbe fatto piacere vederlo lì davanti a lottare.»

Foto: Tomohiko Tanabe via Flickr