MotoGP: le novità per la stagione 2012 / 2013

449px-Valentino_Rossi_2010_Qatar

La caduta di Valentino Rossi sulla pista californiana, nella gara MotoGP di ieri, potrebbe essere l’evento spartiacque della carriera del campiona di Tavullia.

L’incidente, inaspettato, avvenuto durante gli ultimi giri di gara ha fatto segnare  il primo ritiro della stagione, in una prova, che a dirla tutta, ha visto il centauro più famoso d’Italia mai  competitivo: “È un peccato perché abbiamo questo problema da molto tempo e non riusciamo a risolverlo”.

Il pilota Ducati ha poi continuato: “Ho perso l’anteriore appena ho toccato il freno ed è stata una reazione inaspettata perché non andavo nemmeno troppo veloce. Per tutto il fine settimana abbiamo avuto difficoltà a mettere in temperatura la gomma anteriore, ho analizzato la gomma dopo 30 giri e sembrava nuova. Una prima parte di stagione davvero difficile, forse addirittura peggiore della prima parte di 2011. È molto difficile mantenere la concentrazione e la  potenza sufficiente a livello fisico e mentale quando capisci che non puoi lottare per posizioni di rilievo. Abbiamo ancora 8 gare da correre, e lo scorso anno sono state pessime”.

Ma il botto, il dottor Rossi lo riserva alla parte finale del suo sfogo mediatico,  affermando che prenderà una decisione nelle prossime due settimane, probabilmente prima della gara sul circuito Indianapolis, non particolarmente amato, perché, come lui stesso ammette “Durante il fine settimana di gara non posso pensare a  questo”.

La situazione del Dottor Rossi è abbastanza ingarbugliata al momento e sta complicando il mercato piloti, visto che il posto in squadra accanto a Jorge Lorenzo è molto appetito, ma quale sarà il futuro di Valentino Rossi? Lascerà la Ducati per andare in Yamaha o vorrà vincere un mondiale sotto i colori italiani?