Mondiali Under 20 2011 calcio: risultati e protagonisti

logo-mondiali-calcio-under-20-colombia2011

Questo mondiale colombiano under 20 ha già i suoi protagonisti annunciati, uno su tutto è sicuramente il neo giallorosso Erik Lamela, ma non bisogna nemmeno trascurare i tanti prodotti della cantera blaugrana che riempiono la selezione spagnola, ma proprio contro la Spagna, nel recente incontro disputatosi tra Spagna e Costarica, l’attenzione di tutti gli addetti ai lavori si è spostata su un tipino decisamente interessante, cioè Joel Campbell, 19 enne attaccante della nazionale costaricana, uno che si è già permesso di rifiutare niente poco di meno che l’Arsenal di Londra.

 

Campbell quest’estate è stato convocato per tutte le competizioni internazionali giocate dal suo paese (Gold Cup, Coppa America e Mondiale Under 20) segno di quanto la sua federazione conti davvero sul suo talento.

Ma quest’ estate di super lavoro finora è riuscita solamente a produrre una pesante stanchezza. Campbell contro la nazionale spagnola ha finito con il deludere un po’ tutti gli osservatori giunti fin qui per lui, ma di benzina non ne aveva proprio più davvero.L’incontro è terminato poi con il sonante punteggio di 4 a 1 in favore delle giovani furie rosse.

La storia calcistica di Joel Campbell è sicuramente interessante, quasi da scriverci un libro: a 5 anni giocava nei campi abbandonati del suo paese, i così detti potreros, e fu notato da Ricardo La Volpe, commissario tecnico della nazionale maggiore, mentre prendeva a calci delle lattine. Il giovane attaccante sembra già essere consapevole delle sue qualità tanto che in un’intervista ha dichiarato:

“Non ho nessun modo di giocare e guardo soltanto a me. La pressione è normale, i migliori giocatori di una squadra sono quelli dai quali ci si attende di più”, davvero niente male come personalità, ma in fondo cosa ci si poteva aspettare da uno che si è già permesso di dire di no ai gunners di Wenger.