Marotta Rummenigge: botta e risposta per il calciomercato

Marotta Rummenigge: botta e risposta per il calciomercato

Non bastava alla Juventus avere dei problemi nell’acquisto dei nuovi giocatori. Ora anche gli arrivi già confermati sembrano creare qualche grattacapo. Nulla di preoccupante, ma la lite tra Bayern Monaco e Vecchia Signora nata dalla vendita di Arturo Vidal ai bianconeri potrebbe avere qualche strascico, che impedirà nel prossimo futuro alle due società di incontrarsi. Il giocatore cileno, infatti, pare avesse ormai un accordo con i bavaresi, che però avrebbe ignorato pur di accasarsi alla Juventus. Inutile dire che Karl-Heinz Rummenigge, responsabile stampa e pubbliche relazioni del Bayern, non l’abbia presa proprio bene.

«Non vogliamo avere giocatori come lui nel Bayern Monaco – ha tuonato – Aveva promesso ripetutamente al presidente (Beckenbauer, n.d.r.) che avrebbe firmato con noi, ora vediamo che valore hanno le sue promesse. Se il giocatore avesse mantenuto la sua parola e se avesse mostrato carattere, se fosse un uomo con una morale, allora sarebbe arrivato da noi. Ora Vidal gioca in un club che è come lui, basta guardare la storia giudiziaria della Juventus o, al massimo, i suoi ultimi risultati sportivi.»

Una vera e propria bomba, che la Juventus, impegnata come non mai a cercare di riscattare il proprio passato, non ha assolutamente intenzione di lasciar correre. «Abbiamo operato secondo i regolari canali di mercato che prevedono l’accordo sia con la società, in questo caso il Bayer Leverkusen, sia con il calciatore – è stata la risposta veemente di Beppe Marotta sulle pagine del sito ufficiale juventino – A quanto pare di intendere, Rummenigge si era affidato a canali meno ortodossi, me ne rammarico con lui e con il Bayern. Hanno perso una bella occasione sia sul mercato, sia di comunicazione: il silenzio sarebbe stato infatti preferibile. Evidentemente il passato nerazzurro di un grande campione e dirigente come Rummenigge pesa e, come noto, al cuor non si comanda.»

Una frecciata che colpisce indirettamente anche l’Inter. Dobbiamo per caso aspettarci una risposta da parte di Moratti?