Luciano Moggi annuncia rientro nel calcio nel 2011: le dichiarazioni

Ave o Luciano, pieno di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetto da Agnelli,

benedetto è il frutto del tuo scudetto alla Juve.

Non è un’eresia, anche se, tra gli italiani più maliziosi, questa notizia la sarebbe: Luciano Moggi sta per tornare nel mondo del calcio.

Per l’ex magnate del calcio giocato, amministrato, arbitrato e tifato in Italia,

è ormai annunciato il ritorno nel 2011 una volta scontata la squalifica.

A dirlo è il diretto interessato, intervenuto ieri sera nella trasmissione Studio Stadio. “Tornerò nel calcio giocato, non nella Juve, a meno che non ci sia Andrea Agnelli” è stata la sua affermazione.

E Moggi, per scaldarsi, ha già illustrato come ci si dovrebbe muovere oggi: esonerare Ciro Ferrara, non ripetere gli errori degli acquisti di Diego e Felipe Melo (che “sono costati più di tutto il Chievo messo insieme”),

Blanc è un incompetente, manca una direzione sportiva. “Ma vi rendete conto che per sbloccare l’affare Paolucci ha dovuto telefonare in prima persona Franzo Grande Stevens al Presidente del Siena?”.

Detto dal manager che a suo tempo pagò Ibrahimovic meno di quanto la nuova Juventus ha pagato Amauri, è una garanzia. Quest’anno c’è un campionato “mediocre”, senza la Juve di Moggi.

Augurandoci che Sport10 non venga accusato di terrorismo o associazione a delinquere, auspichiamo con simpatia il ritorno di Moggi nei corridoi del calcio che conta, del resto tutti i calciatori dopo la squalifica riscendono in campo! Ce lo auspichiamo per l’informazione, la comunicazione, il business calcistico, il fantacalcio che milioni di ragazzi giocano. Big Luciano, su di te gireranno un film, sei un mito!

 

luciano moggi