Luca Badoer, unico grande amore Ferrari

luca badoer ferrari

Sono passati circa 13 anni da quando Jean Todt accoglieva Luca Badoer come collaudatore per le Formula 1 della Ferrari, a quei tempi, se non ricordo male, in sostituzione di Nicola Larini.

Oggi Luca Badoer abbandona la scuderia che gli ha regalato grandissime avventure professionali e umane, e il mondo dello sport lo saluta con un encomio grande così. L’ultima esibizione a bordo di una Ferrari è stata quella al Motor Show di Bologna 2010 e oggi, tra tv e carta stampata, Luca Badoer ringrazia tutti.

Lui che non ha mai cercato la luce dei riflettori, è stato protagonista dal dietro le quinte, sia come collaudatore che come prezioso manager delle vittoria di casa Ferrari. Come quelle portate a casa durante gli anni d’oro con Michael Schumacher, grande amico prima che strepitoso collega.

Campione del mondo di Formula 3000 nel 1992, esperienza nelle scuderie Lola italia, Forti Corse e Minardi, Luca Badoer è stato non solo collaudatore Ferrari ma anche, nel 2009, pilota al GP di Ungheria dove ebbe a sostituire Felipe Massa.

Una ciliegina sulla torta per un sogno realizzato grande così: è andata tutto bene e, stando ad alcune voci di corridoio, la Ferrari potrebbe salutarlo dalla Formula 1 ma non dirgli addio per i servizi del cavallino. C’è di mezzo infatti la possibilità che Badoer passi alle corse Gran Turismo e allora sì, ancora per una volta, il sodalizio resterebbe grande. Senza bisogno di dover convincere nessuno.