Livorno – Juventus: Zaccheroni prova i moduli. Del Piero nella storia

Che Alberto Zaccheroni sia di passaggio sulla panchina della Juventus è cosa nota. In fondo ha firmato un contratto di 4 mesi.

Poi certo, ci può sempre scappare la sorpresa ma ci sembra abbastanza remota l’ipotesi di una sua conferma.

Ad ogni modo, nonostante si pensi già al sostituto (forse Rafa Benitez? Cesare Prandelli?), bisogna fare i conti sul presente e questo dice Zac.

Se il detto dice “buona la prima” per quanto riguarda la Juventus è vero a metà.

La partita contro la Lazio di domenica scorsa ha messo in luce una squadra con un buon carattere e con tanta voglia di fare ma ancora latitante sugli schemi di gioco.

Nel post partita Alberto Zaccheroni aveva dichiarato di non aver voluto forzare troppo la mano durante la prima settimana e che l’impronta dell’allenatore sarebbe arrivata già a partire dal prossimo incontro: Livorno.

A parlare dell’arrivo di Zaccheroni sulla panchina della Juventus sono proprio i calciatori bianconeri. Momo Sissoko ad esempio parla di squadra riabilitata,

fuori finalmente dal tunnel della depressione. Ci si chiede soprattutto se Zac sarà abbastanza bravo dal rilanciare i nobili decaduti del calcio bianconero (vedi Felipe Melo).

A Livorno la Juventus schiererà Alex Del Piero, che a quota 444 presenze in serie A raggiunge il record di Boniperti. Che i numeri gli siano di buon auspicio!

A centrocampo dubbi Sissoko – Felipe Melo, Candreva dovrebbe esserci, giocano De Ceglie e Caceres. 

 

 

zaccheroni juventus