Lazio – Roma, non si placano le polemiche dopo derby



Il derby di Roma è ormai alle porte. E’ stata indubbiamente una partita nevralgica per quanto riguarda il campionato di Serie A, una partita che ha spostato pesi e mosso gli equilibri di molte squadre.
La Roma è tornata capolista, la Lazio nel vortice del pericolo Serie B. Tutto questo ha naturalmente coinvolto per effetto collaterale tante altre squadre e la nevrosi dell’importanza fondamentale di questo match si è vista in campo, oltre che fuori.
Grande bagarre a fine gara infatti, mentre la Roma festeggiava sotto la sua curva tra gesti poco ortodossi o più semplicemente poco sportivi e mentre i sostenitori laziali lasciavano lo stadio con la tristezza negli occhi. I
n campo c’era ancora chi provava a scaricare la propria adrenalina e c’ha pensato Francesco Totti, non nuovo ad alcuni atteggiamenti che possono evidentemente spazientire. E’ diventato un must ormai il pollice verso del Capitano e cosi come era accaduto all’andata, si è ripetuto l’episodio.
A fine gara, Francesco Totti ha mostrato il pollice verso, che auspica alla serie B dei cugini laziali, e questo ha chiaramente scaldato gli animi dei giocatori laziali. Rissa in campo e un’occasione persa per dare il buon esempio. Torna a parlare del caso Christian Ledesma, espulso nel finale della gara.
Il playmaker laziale è categorico su Francesco Totti: «Bisogna saper perdere, ma bisogna anche saper vincere. È questione di stile e sportivita: qualcuno ne è sprovvisto». Ad assolvere invece il Capitano della Roma, a sorpresa, è invece uno dei beniamini della Curva della Lazio: Paolo Di Canio. L’ex giocatore, ormai sempre più opinionista tv sostiene infatti:  «Il gesto di Totti? È una cosa normalissima, antipatica, ma ci può stare: chi vive il derby di Roma può riconoscere in questi gesti qualcosa di giusto»
Voi cosa ne pensate?