Juventus: la lettera aperta del presidente Agnelli

juventus_andrea_agnelli

Attraverso il sito internet ufficiale della Juventus, il nuovo presidente Andrea Agnelli ha voluto pubblicare una lettera aperta rivolta a tutti i tifosi bianconeri.

La nuova stagione è già alle porte, complice il disastro di quella passata, che costringerà la Vecchia Signora ad iniziare prima la preparazione, in vista dei preliminari di Europa League.

“Cari tifosi, è passato 1 mese da quando ho assunto la presidenza della Juventus. In tantissimi mi avete testimoniato incoraggiamento, fiducia e sostegno e ve ne sono veramente grato. Il calcio, soprattutto nel periodo estivo, è fatto di parole, di interviste, di emozioni fugaci e talvolta di illusioni”, ha esordito Agnelli.

Il nuovo corso dovrà badare al sodo, l’obiettivo è tornare competitivi, per questo ogni aspetto, soprattutto societario, è stato messo in evidenza.

“L’acquisto più importante della Juventus 2010-2011 è senz’altro Giuseppe Marotta, uomo di calcio e grande conoscitore sia del mercato sia dei complessi meccanismi gestionali di una società sportiva”.

“Jean Claude Blanc e io stiamo garantendo al nostro Direttore Generale tutto il sostegno necessario perché possa arrivare a fine agosto con una compagine competitiva da mettere a disposizione del nostro nuovo allenatore, Gigi Delneri. A lui spetterà il delicato compito di riportare cultura e disciplina sportiva nello spogliatoio. La distanza dai rivali, che si è creata in questi anni, richiede un percorso complesso, ma siamo consapevoli che con professionalità e passione saremo in grado di costruire una squadra capace di vincere contro qualunque avversario”.

Una Juventus che torni a competere per lo scudetto, questo è il punto d’arrivo fissato dallo stesso Agnelli.

Infine, una dichiarazione è arrivata anche riguardo lo scandalo calciopoli, che 4 anni fa condannò i bianconeri alla Serie B, togliendo anche 2 tricolori conquistati sul campo con Fabio Capello allenatore.

“Sappiate inoltre che io, come tutti voi, sono in vigile attesa di conoscere le decisioni definitive della giustizia sportiva che dovrà dimostrare, di essere uguale per tutti in qualsiasi momento storico. Ecco perché farò sempre sentire la voce della Juventus in Figc, in Lega e in ogni altra sede”, ha chiuso Agnelli.