Juve – Milan 1-0, cori razzisti a Boateng: squalifica Juventus Stadium?

600px-Juventusstemma

Lo Juventus Stadium torna, purtroppo, ancora una volta protagonista in negativo, presentando l’ennesimo episodio di razzismo avvenuto in occasione di Juventus- Milan, ma andiamo a vedere subito, qui di seguito, tutti i dettagli.

 

Infatti durante i minuti di riscaldamento prima della partita tra la Vecchia Signora e il Diavolo di Allegri, il calciatore rosso nero Kevin Prince Boateng è stato oggetto di svariati buuuu e di epiteti vari, di stampo razzista, provenienti da  uno spicchio dei tifosi bianconeri. Il centrocampista ghanese ha reagito zittendoli portando l’indice alla bocca, molto innervosito. A questo punto della stagione, la casa dei bianco neri, non nuova a dire il vero a simili episodi esempio di inciviltà, è a rischio squalifica proprio per la prossima partita interna, quella contro il Palermo di Sannino, in calendario il prossimo 5 maggio 2013, sfida che potrebbe essere la festa scudetto, da giocare a porte chiuse. Stavolta l’episodio non è passato inosservato agli organi di vigilanza e infatti dopo pochi minuti da questo triste e incivile ‘accaduto lo speaker juventino ha invitato tutti a smetterla ricordando la diffida pendente.Concludiamo ricordando invece come la curva bianco nera sia ricorsa alla via dell’ironia per bersagliare il grande assente di ieri,  Super Mario Balotelli. Dalla curva Sud hanno voluto esporre uno striscione recitante: “No al razzismo, sì al salto” e sono apparse tante facce dell’attaccante del Milan e della nazionale di Cesare Prandelli poco prima che venisse intonato il coro: “Balotelli salta con noi”. Il tutto fa riferimento al motivetto cantato più volte in passato: “Se saltelli muore Balotelli”.

600px-Juventusstemma