Italia – Serbia: tifosi serbi avevano comprato arsenale a Genova

Comincia a farsi un po’ di chiarezza sugli incidenti accaduti ieri sera, allo stadio Luigi Ferraris di Genova, prima e dopo la sfida Italia – Serbia, match valevole per le qualificazioni ad Euro 2012.

Fermato l’istigatore principale, ovvero l’ultrà serbo Ivan Bogdanov, leader della tifoseria della Stella Rossa, appartenente alla fazione estremista e militante degli Ultra Boys.

Ma quello che fa scalpore, è la notizia esclusiva, riportare da un giornalista Rai a microfoni spenti, strappata al tifoso serbo, Slobo: “Abbiamo acquistato i razzi di segnalazione nei negozi di nautica di via Gramsci, li abbiamo messi nella cintura dei pantaloni sotto la maglia e siamo entrati senza problemi allo stadio”.

“Non siamo nazisti, siamo nazionalisti, siamo contro l’entrata della Serbia nell’Unione Europea e contro l’indipendenza del Kosovo, per questo abbiamo bruciato la bandiera dell’Albania. Il palcoscenico di Genova era ideale per fare conoscere le nostre motivazioni, che sono tutte politiche”, ha concluso l’ultras.