Italia – Repubblica Ceca 2-1: Balotelli e Chiellini ci portano in Brasile

FIGC 220812

Con due turni di anticipo, insieme all’Olanda, l’Italia ottiene il biglietto per i prossimi mondiali brasiliani del 2014, dove sarà chiamata a fare da protagonista, ma andiamo a vedere meglio in dettaglio qui di seguito cosa è successo ieri sera a Torino.

 

Si doveva vincere per qualficarci storicamente ai prossimi mondiali sud americani con 180 minuti di anticipo, cosa che non era mai successa finora nella gloriosa storia calcistica azzurra, e il gol dell’ex laziale Kozak, a dire il vero, aveva fatto tremare un po’ le gambe a tutti, ma poi alla fine si è vinto meritatamente. Ha così vinto, sempre dagli undici metri, Super Mario Balotelli, in uno stadio, quello di Torino, non sempre amico, ha vinto Buffon, sempre più recordman di presenze con la maglia dell’Italia, ha vinto Chiellini, bravo a segnare davanti al suo pubblico e ha vinto Cesare Prandelli che ha così commentato:“La dote di questa nazionale è che non perde mai la testa e sa soffrire rimanendo sempre in partita, perhè non conosce solo uno spartito, ma due o tre”.  E così è stato perchè dopo lo svantaggio iniziale gli azzurri sono passati a 4 in difesa per cercare stabilità e riprendere a macinare chilometri nell’area avversaria, contro la Repubblica Ceca che ha sì rischiato di chiudere il primo tempo in vantaggio per due reti, grazie a due contropiedi, ma che poi, ha accusato il letale uno due di Chiellini e Balotelli, per spegnersi, fino alle meste dimissioni del suo allenatore nel dopo gara con l’Italia.

Continuate a seguirci, sempre qui, sulle vostre affezionate pagine on line di Sport 10 per vivere tutte le grandi emozioni del nostro amato calcio.

 

 

 

 

FIGC 220812