Inter – Napoli 3-1. Leonardo è vincente alla prima





Bello, vincente e fortunato, ma questo Leo ce l’aveva già nel suo curriculum milanista e così non si deve essere preoccupato troppo quando a San Siro sono stati messi in mostra i trofei vinti dall’Inter nel 2010 da Mourinho prima e Benitez poi.

Giusto il tempo di un pensiero per Leo che vede scacciata via ogni nube quando Thiago Motta al primo tiro in porta della gara fa secco De Sanctis e porta in vantaggio l’Inter, incanalando la gara sui binari giusti per il treno nerazzurro.

L’ombra di Benitez appare quando Pazienza su calcio d’angolo infila il gol del momentaneo pareggio ma l’Inter, graziata da Maggio, chiude il primo tempo in vantaggio per 2 a 1, con un bel stacco di testa di Cambiasso.

Nella ripresa è Hamsik che a inizio ripresa ha anche le polvere bagnate e sbaglia il gol del pareggio, permettendo a Thiago Motta di affondare il Napoli con un colpo di testa frutto di una torsione da cineteca.

Un campo di San Siro reso scivoloso dalla pioggia ha forse penalizzato lo spettacolo, scivolavano tutti da Milito e Lavezzi e una gara del genere avrebbe di sicuro meritato un fondo migliore.

Non a caso l’uomo decisivo (e uomo partita) è stato il colosso dai piedi buoni: Thiago Motta.

La partita per Mazzari si chiude sul 3 a 1, tanto che al tecnico toscano non piace l’atteggiamento rinunciatario dei suoi e, quasi, per protesta non si leva la giacca.

Il Napoli stecca la prima chiamata scudetto e domenica prossima affronta la Juve.

Per l’Inter è invece cominciata la rincorsa verso la cima.