Inter Campus 2012, a New York per le Nazioni Unite

Inter

L’Inter Campus 2012 sbarca a New York , per la precisione, alle Nazioni Unite. Per la presentazione ufficiale di questa organizzazione nata 15 anni fa con lo scopo di aiutare i bambini bisognosi nelle aree più difficili del pianeta.

Nella sede delle Nazioni Unite, a rappresentare l’Inter Campus, c’erano il presidente della società, Massimo Moratti, la figlia Carlotta, presidentessa dell’iniziativa, e  i due ambasciatori del progetto, cioè due grandi ex campioni nero azzurri come Luis Figo e Francesco Toldo, insieme a  Youri Djorkaeff, moderatore, per l’occasione della serata.

Massimo Moratti ha voluto spiegare che l’ Inter Campus è nata nel 1997,  in una favelas del Brasile: “Visto che non potevamo chiudere gli occhi davanti alla gioia che avevamo portato qui, abbiamo deciso di  andare anche in Kosovo, in pieno conflitto. Poi abbiamo via via allargato la nostra presenza. Nonostante le lingue e le culture diverse  abbiamo trovato sempre la stessa passione. Non abbiamo mai fatto marcia indietro davanti alle emergenze. Ora che abbiamo come amico l’Onu mi sento più protetto. Continueremo ad agire con prudenza, ma seguiremo anche le indicazioni che provengono dal Palazzo di Vetro”.

L’ultima parola la lasciamo invece a Luis Figo che ha così spiegato il suo coinvolgimento nel progetto: Passare da giocatore ad ambasciatore ti fa capire veramente come vivono migliaia di ragazzi sfortunati,  che noi ora stiamo riuscendo ad aiutare. Io sono cresciuto in Portogallo, in una famiglia della classe media. Ho avuto l’opportunità di seguire il mio sogno, ora vorrei che tutti i bambini abbiano la chance di realizzare il loro desiderio, qualunque esso sia”.