Il Napoli crede nello scudetto





Scudetto? L’anno scorso da queste parti non si  poteva pronunciare questa parola e Marek Hamsik, uomo simbolo di questa squadra, continua a pensarla così. Il talento slovacco in una recente intervista ha chiesto di aspettare a pronunciare “quella parola” e solo all’ultimo, se il Napoli sarà nelle posizioni di vetta nella volta finale, si potrà cominciare a pronunciare la parola tabù.

Un Napoli più completo rispetto alla scorsa stagione, terminata con un terzo posto valido per la qualificazione alla fase a gironi della Champions League, che non è stato stravolto in fase di mercato, vista la riconferma di tutte le sue stelle. Una squadra, quella azzurra, che si è arricchita nell’organico, grazie all’arrivo di giocatori di valore come Inler e Pandev.

Uno che invece non ha troppe remore a parlare di scudetto è l’ex centrocampista del Parma Blerim Dzemaili che in una recente intervista ha dichiarato: “Finalmente gioco in un club che può competere per lo scudetto. L’anno scorso il Napoli è arrivato terzo e noi avvertiamo il desiderio e la necessità di riconfermare almeno quel piazzamento. Sono piombato in una dimensione completamente nuova per me, ma anche entusiasmante perché in città l’attesa per il campionato non è scemata neppure con lo sciopero della settimana scorsa”.

Da osservatori esterni, anche se parte in causa, sono ottimisti sull’annata del Napoli anche Ottavio Bianchi, storico allenatore del primo scudetto, e Antonio de Olivera Filho Careca, attaccante brasiliano, protagonista del secondo scudetto azzurro. Entrambi accreditano il nuovo Napoli di Mazzarri per le posizioni di vetta. A loro va ad aggiungersi anche il rispettabile parere di sir Alex Ferguson, allenatore del Manchester United, che vede il Napoli come possibile  sorpresa vista la spinta incredibile dei suoi 60 – 70 mila tifosi.