Il Barcellona studia la ricetta per espugnare San Siro: approccio offensivo e blindare Samuel Eto’o

Sui quotidiani nazionali Sport e Mundo Deportivo sono oggi intervenuti i protagonisti spagnoli di quella che sarà la super sfida della settimana in Champions League: Inter – Barcellona. Pep Guardiola, l’allenatore under 40 più vincente al mondo, ha ricevuto informazioni dall’ex interista Maxwell sulle tattiche difensive di Mourinho. “Due allenatori esigenti, però con mentalità e caratteri totalmente differenti – ha dichiarato il terzino del Barca, ex Inter, che conclude:

Guardiola è più giovane e ha smesso di giocare da poco. Per questo ha l’abitudine di parlare di più, di stare vicino ai calciatori e ha un modo decisamente morbido di dire le cose. Dopo gli allenamenti mi fermo a parlare con Guardiola e la cosa mi piace: ovviamente meglio così rispetto al lavorare con un tecnico che non ti dice nulla”.

Per capitan Puyol il Nemico Pubblico Numero 1 della prossima partita sarà Samuel Eto’o, che in Champions League (a differenza di Ibrahimovic) ha un certo feeling con il gol: “Non è facile fermare Samu. Sappiamo quello che apporta in fase offensiva e in fase difensiva. È uno dei migliori del mondo e lo conosciamo molto bene. Non so se sarò io a marcarlo, però un giocatore solo non basta. Va fermato con il lavoro di tutta la squadra. Se gli arriva la palla in area è un giocatore letale, quindi non ci sono alternative: bisogna far sì che non venga servito all’interno dell’area di rigore. Dobbiamo cercare di tenerlo lontano dall’area, farlo entrare nel vivo del gioco il meno possibile. E poi l’Inter non è solo Eto’o, ci sono tantissimi giocatori di gran livello”. Ricetta pronta, appuntamento a mercoledì per il piatto della casa: chi la spunterà?

( fonti: www.gazzetta.it )

puyo