Gran Galà del Calcio AIC 2011, ecco i migliori della Serie A

Gran Galà del Calcio AIC 2011, ecco i migliori della Serie A

C’è la notte degli Oscar e poi la notte del Gran Galà del Calcio. L’Associazione Italiana Calciatori, in collaborazione con Sportitalia e con la sponsorizzazione di Nivea, ha voluto così rendere omaggio al Teatro Dal Verme di Milano alle eccellenze della nostra Serie A, esaltando nuovamente un campionato che di recente è stato senza causa definito in declino. Così non è, come dimostra l’impressionante Top 11 messa insieme dai voti di calciatori e giornalisti, in una serata piena di pallone e divertimento condotta da Michele Criscitiello, dal sempre simpatico Dan Peterson e dalla bellissima Alessia Ventura.

I migliori calciatori dell’anno solare 2011 si sono presentati sul palco, andando a formare una squadra che metterebbe paura persino al tanto decantato Barcellona di Guardiola. Come miglior portiere è stato scelto Samir Handanovic, vera e propria saracinesca dell’Udinese dei miracoli. Davanti a lui, però, si schiererebbe una linea difensiva difficilmente perforabile, con i milanesi Ranocchia (ex aequo con Nesta) e Thiago Silva a fare da padroni del centro, supportati magistralmente da Maggio e Armero sulle fasce. Fare gol a questo squadra? Giusto un fenomeno come Messi ci potrebbe riuscire, non certo un giocatore normale.

A centrocampo, però, la qualità non manca di certo, unita ad una buona dose di muscoli. La fantasia è l’estro sarebbero garantiti da Marek Hamsik, idolo del Napoli insieme ai suoi due compagni de “I Tre Tenori”. In questa sorta di “nazionale” della Serie A, però, lo slovacco dovrebbe accontentarsi (si fa per dire) di essere affiancato da Claudio Marchisio, uno dei principali artefici della rinascita Juve, e uno a scelta tra l’azzurro Thiago Motta e il fenomenale Kevin-Prince Boateng.

Il momento clou della serata, però, è arrivato con gli attaccanti: il tridente scelto per questo 4-3-3 fa davvero paura. Si comincia con Totò Di Natale, garanzia di grappoli di gol. Si continua con Edison Cavani, vero e proprio mattatore del Napoli formato Europa, per poi concludere con il giocatore che ha trionfato non solo tra gli attaccanti, ma anche come protagonista più votato in assoluto: Zlatan Ibrahimovic.

Non solo grandi campioni, però, perché durante la serata è stata premiata anche la migliore società, cioè l’Udinese, vero e proprio esempio di come si possa vincere con una gestione oculata e saggia senza follie economiche. Poi è stato il momento del protagonista della Serie B, l’attuale rossonero Stephan El Shaarawy, seguito dal Premio della Critica per Fabio Capello, dal Premio alla Carriera per Del Piero e Fabio Cannavaro, dal Premio per la Beneficenza per Gattuso, dal premio di Miglior Allenatore per Massimiliano Allegri e quello di Miglior Arbitro per Nicola Rizzoli.

Infine, menzione speciale per il riconoscimento a Simone Farina e Fabio Pisacane, i due calciatori che grazie alla loro sportività e correttezza hanno permesso alla giustizia di ripulire il calcio italiano dal losco traffico delle scommesse. In questa grandissima serata all’insegna dello sport e della lealtà, il loro gesto vale più di mille palloni d’oro.