Giochi Olimpici di Londra 2012: Alex Schwazer positivo al doping

399px-Alex-Schwazer

Doveva essere una giornata di sola gioia per i nostri colori impegnati ai Giochi Olimpici di Londra, con le due medaglie conquistate da Morandi e Campriani, invece ieri lunedì 6 luglio 2012 è diventata, forse, la giornata più cupa da quando è cominciata la kermesse olimpica: il nostro campione di marcia, Alex Schwazer, è stato trovato positivo all’ Epo in seguito ad un controllo a sopresa effettutato lo scorso 30 luglio a Oberstdorf.  Una notizia che ha turbato tutto l’ambiente azzurro e il nostro paese in generale, dato che in questi Giochi Olimpici di Londra in molti aspettavano le prestazioni di Schwazer, favorito per la vittoria finale.

L’Epo è un ormone utile alla regolazione della produzione di globuli rossi e viene impiegato come dopante negli atleti in modo da aumentarne il trasporto di ossigeno ai tessuti e di migliorare quindi la performance sportiva. Ora Schwazer rischia due anni di stop e l’espulsione dall’arma dei Carabinieri (ovviamente invece lo sponsor Ferrero l’ha già abbandonato). Alex, campione in carica nella 50 km di marcia, ha ammesso la sua colpa e proprio ieri s’è espresso sull’accaduto, affermando che oramai la sua carriera è finita e che quella di doparsi è stata una scelta fatta per essere più forte e presa di sua spontanea volontà.

Ovviamente il presidente del Coni Petrucci ha dovuto espellere subito Schwazer dai Giochi Olimpici di Londra, mentre le persone care all’atleta azzurro hanno subito espresso il loro rammarico e la loro delusione per un gesto così antisportivo e dannoso. “Le responsabilità sono mie, perchè se si vede un figlio che durante tutto l’anno è stato male, bisogna prenderlo e parlargli”, ha affermato il papà Josef. Molto dure invece le parole del coach di Schwazer, Didoni, il quale ha affermato di sentirsi preso in giro e che non c’è nessuna giustificazione per il suo allievo, colpevole semmai di aver fatto finire famiglia, fidanzata e società in un unico vortice, assolutamente dannoso. Insomma, un bel colpo da digerire, speriamo i nostri atleti (quelli che vincono solo contando sulle loro forze) possano cancellare quanto prima questo episodio.