Galliani vince il Premio Facchetti

Adriano Galliani ha vinto il Premio Facchetti. Un altro traguardo per uno dei fautori dello splendido ciclo del Milan che quest’anno cerca di ripartire dai giovani mantenendo un occhio di riguardo al bilancio. Infatti, in estate la società ha deciso di privarsi di Kakà in cambio una cospicua cifra che ha dato ossigeno alle casse rossoneri.

Lo stesso Galliani è conscio che riaprire un nuovo ciclo non è facile anche se analizza con sincerità l’attuale stato di salute della sua squadra.”Vogliamo arrivare tra i primi posti. Questo non significa – ha dichiarato Galliani – che vogliamo arrivare terzi. La qualificazione alla Champions League è imprescindibile per un club come il nostro. E poi, ovviamente, vogliamo fare più strada possibile in Champions“.

Un Galliani a 360° che esalta anche i suoi uomini ed in particolare Dida, al centro di molte critiche dopo il suo ritorno in campo e decisivo nel finale della partita contro il Chievo. “Non sono parole mie, chiedete a William Vecchi. Dice che in allenamento è straordinario e anche contro il Real non ha commesso un errore tecnico ma semplicemente – ha aggiunto il dg del Milanvoleva lanciare Pato e nella foga la palla ha sbattuto sul suo ginocchio. Con Dida serviva pazienza e noi lo abbiamo dimostrato dandogli fiducia anche dopo la partita con il Real“.

Nella prossima campagna acquisti un tassello sicuro sarà Beckham che ritornerà a vestire i colori rossoneri: “Arriverà un centrocampista inglese che si chiama David Beckham, è sicuro quasi al 100%. Se pensate a lui bene. Attaccanti esterni? Non mi pare di aver detto che ne cercavamo uno, se l’ho fatto mi scuso“. 

Galliani-intervista_Sky