Formula Uno: il Texas può attendere

Formula-1-Austin-Texas1

Bernie Ecclestone dopo la recente vicenda giudiziaria di Monaco, dove si è dovuto presentare come testimone in tribunale, torna a essere protagonista e a fare la voce grossa.

Il patron della Formula Uno ha lanciato un ultimatum agli organizzatori del Gran Premio del Texas, gara prevista il prossimo novembre 2012 sul nuovo circuito di Austin. Ecclestone ha concesso tempo fino alla fine del prossimo Gp di Brasile per ricevere il pagamento di 25 milioni di dollari, pena l’esclusione della gara dal calendario.

E sembra proprio che ormai il circuito di Austin dovrà attendere il 2013 per ospitare il Gp degli Stati Uniti di Formula 1 visto che la Circuit of the Americas, società proprietaria dell’impianto, ha annunciato di aver interrotto i lavori di costruzione a causa della disputa che si è venuta a creare con la Full Throttle Production, promoter dell’evento. Al centro delle discussioni ci sarebbero i contratti firmati proprio con Bernie Ecclestone e con Carmelo Ezpeleta per portare la Formula 1 e la MotoGp in Texas.
Stando a quanto ha comunicato poco tempo fa Steve Sexton, presidente della Circuits of the Americas, ormai anche ad Austin sembrano essersi rassegnati a vedere slittare la prima edizione del Gp nel 2013:

“Siamo sempre stati eccitati e abbiamo lavorato duramente nella prospettiva di ospitare la Formula 1 nel 2012, ora però abbiamo capito che Ecclestone preferirebbe spostare la gara al 2013. Sappiamo che gli Stati Uniti sono un mercato importante per le squadre e siamo anche sicuri che l’impianto sarà pronto per il 2013″.

Già e così la stella del Texas nel mondo della Formula Uno resta sempre solitaria, in attesa di splendere.