Formula 1 Ungheria 2011: i commenti di Alonso e Massa





Dopo che le qualifiche avevano fatto temere per un passo indietro della Ferrari nella rincorsa alla Red Bull, il Gran Premio d’Ungheria ha dimostrato ancora una volta che la Ferrari ha le potenzialità per essere competitiva, anche se ancora molto c’è da lavorare. Ne sono assolutamente convinti sia Fernando Alonso, sia Felipe Massa. Lo spagnolo ha ottenuto il suo sesto podio e può godersi gli innegabili passi avanti della scuderia, che però dovrà continuare ad evolversi.

«Ancora una gara sul podio, la quarta consecutiva – sono state le sue parole al sito ufficiale Ferrari – Siamo stati competitivi su quattro piste diverse fra loro e, almeno in questo mese di luglio, con condizioni climatiche non certo favorevoli alle caratteristiche della nostra vettura. Ciò mi fa essere fiducioso per il prosieguo del campionato anche se adesso non vedo l’ora di tirare il fiato: è stato un luglio molto intenso e stressante e penso che tutti, soprattutto la squadra, meritino di fare un paio di settimane di vacanza. Alla ripresa speriamo di avere finalmente un po’ di caldo, anche se a Spa non sarà certo facile averlo. Alla partenza ero scattato bene ma poi alla prima curva ho avuto delle difficoltà in trazione e Michael è riuscito a superarmi. Poi ci sono stati degli episodi che, nella prima parte della gara, ci hanno fatto perdere del tempo prezioso prima dietro alle Mercedes e poi dietro Webber. A quel punto abbiamo deciso di anticipare una sosta e di passare così ai quattro pit-stop: la mossa ha pagato e, in questo modo, siamo riusciti a salire sul podio. Certo, anche gli altri hanno avuto degli episodi negativi ma noi siamo stati bravi a restare in pista con le gomme da asciutto quando aveva iniziato a piovere: in quel momento non eravamo molto veloci con le Super Soft ma non ci siamo fatti prendere dalla fretta e poi siamo passati alle Soft. E’ stata una gara molto interessante ed emozionante e voglio fare i complimenti a Jenson che ha festeggiato nella maniera migliore la sua duecentesima gara in Formula 1.»

«E’ stata una gara difficile, con la pioggia che andava e veniva – ha dichiarato invece Felipe Massa – La mia gara è stata rovinata dall’uscita di pista al giro 8. Ho sbattuto con il posteriore contro le barriere di protezione e temevo che la macchina fosse troppo danneggiata per continuare ma il mio ingegnere mi ha detto che potevo continuare. Lì ho perso tanto tempo e, anche se poi sono riuscito a fare dei bei sorpassi e a rimontare delle posizioni, mi resta l’amarezza per non essere riuscito a lottare per il podio come probabilmente avrei potuto fare. Quando ha iniziato a piovere dopo il quarantesimo giro – ma anche all’inizio – le condizioni erano molto difficili: bisognava evitare assolutamente le strisce bianche perché erano scivolosissime, sembrava di guidare sul ghiaccio. Adesso ci aspetta un po’ di vacanza: tornerò in Brasile per stare insieme alla mia famiglia e mi fa sempre piacere passare del tempo nel mio Paese. Sono sicuro che, al ritorno in Europa, inizierà una seconda parte di campionato migliore della prima.»